Interpretare lo spazio

Un mix di moda, materiali pregiati e decori luminosi, ma anche possibilità di personalizzazione. Così la porta diventa protagonista. Matilde Durante

“La vera qualità di una porta è la capacità di soddisfare ed emozionare il cliente”

Matilde Durante

«Da circa dieci anni mi occupo di design per il gruppo Nusco. Un lavoro che è prima di tutto una passione che coltivo fin da bambina, e che ho approfondito con diversi anni di studi universitari ed esperienze all’estero». Così esordisce Matilde Durante, Design & Innovation Manager per Nusco. «Credo fortemente che per investire realmente sul design e riuscire a innovare, sia necessario conoscere alla perfezione tecniche, materiali di costruzione, essenze e tutti i dettagli relativi ai prodotti. Ciò che alla Nusco facciamo quotidianamente, avendo l’opportunità di vivere il contatto con i nostri tecnici e i nostri artigiani».

Per questo progettate i nuovi modelli senza il supporto di designer esterni?
La scelta deriva dalla profonda convinzione che, nel nostro mercato, l’innovazione passi necessariamente dall’esperienza e dalle competenze sui prodotti che si intendono realizzare. Le consulenze esterne possono sicuramente offrire degli spunti interessanti, per questo non le escludiamo. Lo dimostra il recente contest realizzato in collaborazione con il Tarì Design Lab di Caserta, in cui abbiamo premiato i lavori di alcuni designer provenienti da settori completamente diversi dal nostro.

Cristalli Swarovski decorano le porte della linea Diamonds, con effetti luminosi eleganti e preziosi, in grado di portare anche una piacevole nota lussuosa. In Ideal Shine 910 strass cry sono disposti in cinque linee orizzontali, con un piacevole gioco di luci sull’anta wengè

Qual è la porta che preferisce tra le tante che ha disegnato?
I modelli a cui sono più legata sono la Gioconda Shine Door e la Venere Shine Door, che hanno portato la dimensione dell’arte all’interno di questo mercato. Si tratta di vere e proprie opere, modelli unici che lasciano senza fiato, soprattutto dal vivo.

Per alcune porte ha utilizzato materiali insoliti per il settore, come tessuto e pelle. Quali i motivi di questa scelta?
L’avvento di nuovi materiali e nuove metodologie di applicazione svolge un ruolo importantissimo per l’innovazione di prodotto. Molte delle nostre novità si sono basate, nel tempo, su questo: basti pensare alla linea Leather in ecopelle, alle Glossy e alle più recenti Texture. Ritengo sia fondamentale per ogni designer conoscere a fondo tecniche e materiali preesistenti e le più recenti novità del settore.

Piacevole da vedere ma anche da toccare, Dress della linea Texture è rivestita in tessuto, con una linea semplice ed essenziale che esalta il materiale. La finitura è chiara o leggermente più scura, ma sempre tenue

Ritiene che la decorazione abbia un ruolo importante nella progettazione delle porte?
Ha un ruolo fondamentale, soprattutto in rapporto al tema della personalizzazione. Rappresenta uno degli aspetti che con gli anni sarà sempre più rilevante. La nostra linea di vetri decorati a mano ne è un ulteriore emblema: lavorazioni artigianali che impreziosiscono le porte e sono estremamente apprezzate dalla nostra clientela, che spesso richiede varianti.

Le tendenze attuali sembrano improntate al minimalismo. Cosa ne pensa?
È vero, le tendenze che noi registriamo sono per un design delle porte che sposa sempre di più il minimalismo e l’essenzialità. È il caso anche della grande diffusione delle soluzioni filomuro, che abbinano alla principale caratteristica di adattabilità, la bellezza del minimal e la sua capacità di entrare con discrezione e classe nell’arredamento.

Filomuro risponde all’esigenza di una porta minimale complanare. Priva di coprifilo, consente di avere l’anta in tinta con la parete e serratura e maniglia possono essere di ogni tipo, in base dell’effetto che si vuole ottenere. Ha un unico telaio che viene ancorato direttamente alla muratura

Su quali particolari o aspetti preferisce puntare quando progetta una porta?
È sempre il mix degli elementi a far emergere la qualità. Ferramenta, maniglie, telaio e coprifili devono essere mixati sapientemente per stupire la clientela. Ma il pannello resta il cuore centrale e imprescindibile di ogni progetto.

Da cosa trae ispirazione nel suo lavoro e come le idee diventano progetti concreti?
Il design è soprattutto sperimentazione e contaminazione. La moda, il lusso e l’arte, oltre che i settori più affini a quelli dei serramenti, come l’arredo casa, sono costantemente fonte di ispirazione per le nuove collezioni. Emozione, personalizzazione e sperimentazione sono le parole chiave che guidano il modus operandi della nostra azienda. Le idee diventano progetti dopo mesi di studi di fattibilità e di prove, per esempio la linea Diamonds (Made with Swarovski Elements) ha preso vita dopo mesi e mesi di tentativi da parte dei nostri tecnici, per individuare la migliore tecnica di applicazione dei cristalli Swarovski sulle porte.

Come nasce l’idea di una porta o di una collezione?
Cerchiamo di lavorare sui bisogni latenti dei consumatori, su prodotti che possano lasciare senza fiato i potenziali acquirenti. Ne sono la dimostrazione la linea Swarovski, con la quale abbiamo voluto portare il mondo del lusso all’interno di un mercato che mai aveva osato tanto, e la linea Nusco for kids, con la realizzazione della Hello Kitty Doors collection e la Ben 10 collection. Ultimamente, con la linea Texture e grazie alla collaborazione con lo stilista Gianni Molaro, stiamo puntando ad un’altra sperimentazione: moda e design.

Brillante e lucente, Glossy è in quattro colori gloss, bianco, amaranto, nero e palissandro, in grado di accendere con un raffinato tocco di luce gli ambienti. Grazie alla qualità dei materiali i colori si mantengono inalterati nel tempo

Tra le collezioni ci sono anche porte rivolte a ragazzi. Quali i motivi di questa scelta?
La scelta del reparto ricerca & sviluppo di puntare sull’attività di licensing, anche su modelli per ragazzi, è frutto di anni di analisi: siamo convinti che la sinergia tra brand rappresenti un plus che il consumatore premia al momento dell’acquisto. Siamo in grado di realizzare soluzioni personalizzate che rendono il nostro cliente entusiasta, consapevole di poter creare una porta che risponda al proprio mondo di valori e al suo desiderio di emozionarsi. Quale emozione più grande di creare un ambiente totalmente personalizzato anche per i propri figli?

Pensa prima al modello o alla tecnologia per realizzarlo?
Dipende. In alcuni casi l’innovazione tecnologica guida la creatività, come nel caso della linea Elegance. In altri casi, come la linea Diamonds, siamo partiti dalla necessità di creare una linea lussuosa per poi approfondire e sperimentare le tecniche di realizzazione.

Quale ruolo ritiene debba avere il designer per il prodotto?
Ritengo che il design non sia solo cambiamento di linee estetiche o innovazioni, in termini di materiali o stile. Design è fornire nuove funzioni a oggetti di vita comune, trovare una soluzione migliore rispetto a quello che già c’è. L’obiettivo che ci siamo posti è proprio questo: donare a un semplice complemento d’arredo nuove funzioni, fare in modo che la porta diventi parte viva ed emozionante, con un ruolo più centrale e diverso di quello marginale spesso assegnatole in passato.

Gioconda shine door è rivestita in ecopelle di pitone e ripropone sull’anta il volto di Monna Lisa con 31.707 cristalli Swarovski, declinati in otto tonalità, reinterpretando con un pregiato gioco di chiaroscuri la tecnica dello sfumato leonardesco

Cosa rende una porta di qualità?
La vera qualità di una porta risiede nella capacità di soddisfare ed emozionare il cliente che la sceglie. Dal punto di vista tecnico, le recenti innovazioni tecnologiche forniscono prodotti sempre più durevoli e capaci di garantire affidabilità.

Come vengono scelte le maniglie da abbinare alle porte?
La maniglia è il tocco di personalizzazione del cliente, per cui spesso ci limitiamo a fornire consigli per evitare errori macroscopici di abbinamento. In alcuni casi, come per la linea Diamonds, c’è stata la necessità di costruire modelli ad hoc, in modo che la sensazione di lusso fosse presente su ogni elemento della porta.

 

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151