Calcolare la trasmittanza termica

LOGO NUOVO ACMI

Il Comitato Tecnico Acmi è impegnato nel cercare di dare ai soci risposte concrete riguardo l’esigenza di avere un unico sistema di verifica oggettiva del valore U (in W/m2K). Nell scorse settimane, presso la sala convegni del “CERT di t2i – trasferimento tecnologico ed innovazione”, si è tenuto un primo incontro con i referenti tecnici delle aziende e alcuni componenti del Comitato Tecnico/Normativo ACMI sull’argomento Trasmittanza Termica.

Alessandro Cibin, Direttore del Laboratorio Prodotti, ha presentato una sintesi delle normative di riferimento del settore richiamate dalla norma di prodotto UNI EN 13241-1:2011. Queste normative sono molte e comprendono metodologie di calcolo dei serramenti, delle facciate continue e dei portoni stessi. Al loro interno si citano valori tabellari, software agli elementi finiti, prove in Hot Box.

Non c’è molta chiarezza ed uniformità nel modo di determinare tale prestazione, sebbene sia molto importante alla luce delle richieste legislative sul risparmio energetico. Durante l’incontro è stato confermato che non è obbligatorio segnalare il valore di trasmittanza termica nell’etichetta CE e nella DoP; c’è la facoltà di segnalarlo ove opportuno e/o a seconda delle richieste.

Una prima soluzione rivolta ad individuare uno strumento unificato di calcolo è stata offerta dall’Ing. Alberto Candussi, rappresentante della Fluid Interactive, che ha presentato un software agli elementi finiti adatto all’analisi termica delle sezioni delle porte comprendendo, oltre alla possibilità di studio dei dettagli, anche la possibilità di studiare i ponti termici nei punti considerati più delicati del tipo di prodotto. Per verificare queste possibilità è stato fatto un esempio di calcolo su un portone sezionale. Il punto di partenza dell’analisi è un file in formato .dxf o .dwg. L’importazione del file nel software, denominato Mold 3, è diretta e prevede che nello stesso siano date le singole conducibilità ai materiali e siano determinate le condizioni di contorno (interno-esterno, temperature e umidità). Una volta ottenuto il risultato si è proceduto a fare delle verifiche, cambiando i materiali e le condizioni in modo tale da appurare se i valori ottenuti sono in linea con quello che viene dichiarato dal mercato.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151