Greenery: Voglia di primavera

Una carica di energia positiva? Basta un tocco di Greenery, una nuance di verde vivace e frizzante che quest’anno tinge i must have

Greenery

Linea classica a tre bugne per Pietralta 1325/QQ della collezione Le Porte di Lorenzo di New Design Porte, con la particolarità della doppia finitura: pennellata a rilievo su RAL 7038 e bianco. La cornice cimasa è il modello Monterinaldi

Verde come la speranza, per portare una ventata di ottimismo nella nostra vita. È l’augurio portato da Greenery, il colore del 2017 per Pantone Color Institute, autorità mondiale nel campo dei colori. Una fresca e vivace tonalità di verde chiaro, che ha la stessa intensità delle grandi distese verdi ed evoca la freschezza di una natura primaverile in piena esplosione. Un colore carico di significati evocativi, che punta a rivitalizzare, portare energia positiva e vuole essere simbolo di un nuovo inizio. Forte è il potere evocativo del richiamo alla natura, che in primavera rinasce e invoglia a portarne una parte nelle nostre case.

Il Greenery è un colore forte e deciso, ma anche versatile, particolarmente adatto in ambienti dallo stile moderno, che può anche essere mixato ad arredi vintage. È perfetto anche in abbinamento al legno perché ne accentua il richiamo alla natura, soprattutto se ha una finitura molto materica, oppure ne esalta il senso di freschezza quando è chiaro come il frassino e la betulla. Pensiamo, per esempio, a un tavolo in legno dall’aria vissuta, con sedie laccate in verde con gambe in legno a vista: un mix piacevole e fresco, ma con tocco di classico.

Per dare più varietà cromatica all’ambiente si può aggiungere un elemento, come una poltrona o una lampada, dai colori decisi come il bordeaux. Al contrario, per smorzare parte della sua vivacità e renderlo adatto anche alla camera da letto, lo si può abbinare a tonalità pastello come il giallo, il rosa, l’azzurro e il grigio. Insieme a diverse sfumature di verde, al bianco e al crema, l’ambiente risulta molto fresco e frizzante ed è una soluzione che ben si adatta alla zona giorno o alla cucina.

Portato sulle pareti, questo colore esalta il suo potere energetico, ma è meglio dosarlo senza eccedere, per esempio dipingendo una parete del soggiorno, per focalizzare l’attenzione su di essa, alla quale appoggiare un mobile vintage oppure laccato in rosso smorzato. Ma è perfetta anche una porta in legno, in tonalità chiara o più scura in base al resto dell’arredo, che risalta sulla parete tinteggiata.

Sempre puntando al contrasto, si può scegliere una porta laccata in verde, che diventa protagonista su una parete chiara. Meglio scegliere una finitura opaca perché il colore risulta più delicato e sobrio, ed è più facile da abbinare, anche con arredi in legno. La superficie lucida crea riflessi e moltiplica i giochi di luce, quindi può essere utilizzata con ambienti dai toni più smorzati, per esempio in bianco, grigio e verde.

Oltre al legno laccato, anche la scelta del vetro è perfetta per una porta verde, soprattutto se di tipo scorrevole per la zona giorno, con uno o due pannelli lineari che scorrono esternamente alla parete.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151