Langhe con charme

Casa Langhe, Fabio Borello

Legno e pietra sono i protagonisti di questa abitazione, che unisce antico e nuovo in un mix ben riuscito

Langhe

L’abitazione unisce un edificio ottocentesco, caratterizzato dalla pietra e finestre classiche, a una parte più moderna con ampie finestre che portano molta luce agli ambienti

S’inserisce perfettamente nel tranquillo paesaggio delle Langhe, patrimonio dell’umanità UNESCO, questa abitazione ristrutturata e riqualificata con attenzione al risparmio energetico dall’architetto Fabio Borello. Dall’unione tra un edificio ottocentesco in pietra e una costruzione di forma allungata del 1940 è nata un’abitazione che mantiene le caratteristiche del territorio, con l’aggiunta di un’eleganza contemporanea.

«L’idea è stata quella di conservare la parte in pietra, mantenendone il più possibile l’aspetto originario, e di rivoluzionare gli interni», spiega Fabio Borello. «La porzione restante è stata invece completamente rivisitata, conservando però l’aspetto dal lato del vicolo, con finestre piccole, per motivi di privacy. Dal lato verso la valle ho optato per grandi superfici vetrate, che rendono molto luminosi gli ambienti, portando la luce sino a ridosso della zona a monte, e soprattutto garantiscono una spettacolare vista sulle colline».

I serramenti sono in legno, un materiale perfetto per il contesto, realizzati su misura. Nell’edificio ottocentesco le finestre sono a battente in rovere mordenzato noce, dalla linea classica, e con vetrocamere termoisolanti. Nell’edificio di costruzione più recente, le finestre sono invece in frassino laccato grigio scuro con apertura ad anta ribalta e triplo vetro; la maggior parte è dotata di veneziane frangisole motorizzate, installate all’interno del vetro. Dalla grande zona giorno open space, alzanti scorrevoli con zanzariera orizzontale si affacciano sul giardino, regalando la splendida vista del paesaggio. Sul lato del giardino è stata inserita una struttura a telaio in ferro dalla forma parallelepipedo, in posizione leggermente traslata orizzontalmente rispetto alla facciata originaria del fabbricato.

«L’ampliamento è stato per metà tamponato con vetrate parzialmente apribili e ospita la zona pranzo della casa, mentre la restante porzione, antistante la cucina, crea una zona porticata coperta allestita a salotto estivo», spiega l’architetto. «Il sistema oscurante a frangisole motorizzati, che si raccolgono all’interno della struttura, contribuisce a rafforzare l’effetto scatola metallica monocromatica che si voleva creare».

Gli interni sono materici, con l’ampio utilizzo di pietra e legno. Le porte, invece, tendono a mimetizzarsi e a scomparire: scorrevoli, con controtelai interno muro, hanno altezza netta di passaggio di 240 centimetri. I pannelli lisci hanno fascia verticale, in posizione asimmetrica, in frassino leggermente spazzolato, laccato bianco Ral 9016. I vani tecnici e i ripostigli sono chiusi da porte artigianali, intonacate e tinteggiate in cantiere, che si nascondono nella
muratura.

Effetto suggestivo e decorativo è creato dalla scala, posta all’interno del fabbricato in pietra e realizzata, su disegno dell’architetto, interamente in ferro corten. Si sviluppa all’interno di un vano a trapezio irregolare, rimanendo sempre staccata dalle pareti laterali. Originale è anche l’ascensore, con una parete completamente vetrata, che consente di ammirare il muro in pietra interno che divide la porzione ottocentesca da quella più recente.

Foto di Tino Gerbaldo

Casa Langhe  
Dove: Langhe albesi
Progetto architettonico: Fabio Borello (Alba, Cuneo)
Direzione lavori: Fabio Borello
Superficie totale costruita: 755 metri quadrati
Impresa costruttrice: Edile Adriano Giovanni (Rodello, Cuneo)
serramenti
Finestre e portefinestre: in rovere, modello Seta 2.0 di Navello, e in frassino laccato grigio, modello Omero di Navello
Realizzazione serramenti e porte vani tecnici: Falegnameria Toppino (Montà, Cuneo)
Porte interne: scorrevoli con controtelai Syntesis di Eclisse
Maniglie porte scorrevoli: Olivari
Realizzazione pannelli porte scorrevoli: Alpea Porte (Castagnito, Cuneo)
Struttura patio: su misura con profili Jansen, realizzata da Marzero (Corneliano d’Alba, Cuneo)
Frangisole: Aluflex di Griesser Italia
Porta ingresso blindata: con profili Jansen, realizzata da Marzero; rivestimento in legno di Navello e Falegnameria Toppino
Realizzazione scala: Marzero

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151