Aeroporto Marco Polo di Venezia, Water Terminal, Moving Walkway, Pool Engineering, Ruben Verdi

Venezia

Water Terminal dell’Aeroporto Marco Polo di Venezia

Il Water Terminal e il Moving Walking dell’Aeroporto Marco Polo di Venezia sono due elementi di collegamento diretto tra scalo e laguna che accrescono il livello dei servizi offerti ai passeggeri dallo scalo aeroportuale, due spazi funzionali ma anche rappresentativi. Progettati da Pool Engineering, permettono a chi arriva a Venezia in aereo di poter accedere rapidamente alla darsena e da qui con i mezzi d’acqua al centro città.

Il Water Terminal è uno spazio aperto coperto rettangolare, con una distribuzione a pettine che raccoglie il flusso di passeggeri provenienti via acqua mediante moli di attracco, ortogonali alla riva, per i motoscafi-taxi o i traghetti e lo accompagna lungo la riva fino all’innesto della linea dei tappeti mobili posta all’estremità sud-occidentale e viceversa.

Il progetto del Moving Walkway ha il duplice obiettivo di garantire il massimo comfort del passeggero in transito e realizzare una struttura che si possa inserire con discrezione all’interno di un contesto paesaggistico complesso come quello della laguna. Come conferma l’arch. Ruben Verdi, progettista e Direttore lavori per Pool Engineering “Il concept scaturisce dalla funzione del “passaggio” il quale suggerisce momenti di fuga e di sosta. L’obiettivo principale del design interno è il comfort del passeggero in transito, l’obiettivo principale dell’immagine esterna è l’adeguatezza al contesto e alla funzione”.

Il risultato è un grande edificio lungo circa 365 metri che contiene i tappeti mobili che collegano l’aerostazione con la darsena. Una galleria chiusa e climatizzata con un percorso pedonale sopraelevato appoggiato su pilotis a una quota +8.95 m dal piano campagna. Passerelle, camminamenti, passaggi di collegamento in quota si inseriscono in uno spazio dove il verde unisce e omogeneizza le funzioni.

Moving Walking dell’Aeroporto Marco Polo di Venezia

Questo edificio tunnel è stato progettato in modo asimmetrico: da una parte mediante una parete completamente vetrata, verso nord-nord ovest, permette la massima trasparenza, dall’altra un fronte più chiuso nella direzione del massimo soleggiamento garantisce protezione dall’eccessivo apporto solare estivo e contemporaneamente consentire illuminazione naturale e la veduta sul paesaggio. La parete vetrata viene scandita con un ritmo regolare ogni 20-25 metri da un affaccio verso il paesaggio circostante, una sorta di bow-window, che suggerisce un momento di sosta.

Per entrambi gli edifici sono stati impiegati i serramenti in ottone brunito di Secco Sistemi. Una scelta che ha interessato gli infissi fissi e apribili, il bow-window e le biglietterie, gli elementi caratterizzanti del progetto come conferma l’arch Ruben Verdi: “I serramenti in ottone brunito di Secco Sistemi hanno soddisfatto al meglio le nostre richieste sia dal punto di vista delle prestazioni e della dimensione contenuta dei profili, sia dal punto di vista estetico perché in grado di inserirsi al meglio in un progetto che è diventato una delle porte della città e per questo deve esprimere contemporaneità ma allo stesso tempo trasmettere la forte identità del territorio”.

In particolare sono stati utilizzati i sistemi SA 15 e EBE 65 in ottone brunito.

SA 15 è composta da profili tubolari con spessore delle lamiere fino a 1.5mm, profondità 55mm per vetri fino a 40mm, complanarità esterna e interna tra anta e telaio. I profili della struttura metallica che porta vetrate di grandi dimensioni e peso possono essere snelli, pur con telai robusti dalle eccellenti prestazioni di resistenza agli agenti atmosferici e di sicurezza. Pur non essendo un sistema a taglio termico, SA garantisce un buon isolamento, grazie alla possibilità di installare vetri dai bassi valori di trasmittanza e alla limitata superficie metallica disperdente.

EBE 65 è il sistema a taglio termico, profondità 65mm per vetri fino a 48mm, sormonto interno e complanarità esterna tra anta e telaio. Grazie all’innovativa tecnologia della giunzione a taglio termico, in poliammide e poliuretano, EBE realizza profili strutturali forti con sezioni contenute. La tenuta dei serramenti è garantita da un sistema a doppia guarnizione per le porte e da un sistema a giunto aperto con tre livelli di tenuta per le finestre. Inoltre, grazie all’ampia scelta delle tipologie di apertura e alla completa gamma di accessori, i profili EBE propongono numerose personalizzazioni all’estetica del serramento.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151