Cornici di luce, Marco Grippo

Serramenti a vista su pareti candide e una quinta trasparente che divide la cucina gli elementi studiati ad hoc per un appartamento romano

L’elemento caratterizzante del living è una lunga armadiatura a tutta altezza che occupa l’intera parete, inglobando anche la porta

Il taglio è classico, ma l’appartamento conserva ben poco della struttura originaria tipica del palazzo degli anni Sessanta che la ospita. Quello che è stato mantenuto, perché ancora bello e ben curato, è il pavimento, un lucido parquet a listelli di legno irregolari, che in soggiorno mostra, proprio nel centro dello spazio, un decorativo intarsio a rosa dei venti. Il resto è frutto di una ristrutturazione per mano dell’architetto Marco Grippo, che ha rivisto la distribuzione degli spazi e ha scelto nuove finiture, tra cui i serramenti.

Ora, in ogni stanza, la totale mancanza di schermature interne come tende o veneziane rende i profili delle finestre immediatamente visibili, come cornici di luce che fanno da fondali a ogni ambiente. I sistemi scelti sono in alluminio a taglio termico (modelli 62 TT e Perfektion di Eku), nella tonalità bianco opaco per meglio armonizzarli con gli interni.

L’intera superficie della casa – 90 metri quadrati – è infatti dominata dal candore: bianche sono quasi tutte le pareti (sfugge alla regola una quinta grigia in soggiorno), bianchi sono molti degli arredi e bianche sono le porte (modello Avio di Garofoli), che sono in legno laccato, dalle linee minimaliste che ben si sposano con il resto dell’arredamento. Dello stesso colore è anche l’elemento caratterizzante del living: una lunga armadiatura a tutta altezza che occupa l’intera parete, inglobando anche la porta. È formato da un’ossatura in cartongesso con chiusure in legno laccato e ripiani in rovere lasciato a vista e diventa un utile contenitore per un ambiente che ha pochi elementi d’arredo. L’effetto è di un susseguirsi di pieni e vuoti che movimenta e dà carattere a tutta la stanza. In questo locale, la finestra di fondo assicura la corretta dose di luminosità, mentre una portafinestra laterale, quindi meno immediatamente visibile a chi accede al soggiorno, dà accesso a un balcone.

Rivedendo l’organizzazione degli spazi, l’architetto Grippo ha dovuto affrontare il vincolo di un corridoio cieco, originariamente necessario per distribuire gli spazi ma che rendeva buio e poco accogliente il passaggio alla cucina e alla zona notte. Ha pensato allora di dare luce realizzando una parete vetrata che chiude la cucina, senza però lasciarla completamente a vista. Questa soluzione proietta luminosità al disimpegno e consente una maggiore permeabilità visiva degli spazi.

Per realizzare questa quinta l’architetto ha scelto Ferrofinestra di Mogs, un sistema completo di profili in acciaio e vetro pensato qui nella versione con porta a battente e vetrata fissa. Parete e porta hanno un’anima in metallo che rende più solida e sicura la struttura, dando contemporaneamente uno slancio orizzontale all’intera parete. La porta con apertura a battente si spalanca verso l’interno con una maniglia verticale dal taglio industriale sempre in acciaio, ben mimetizzata nella struttura. La scelta di lasciare a tutt’altezza solo la porta permette di rendere la cucina un luogo ben definito, senza dare la percezione di essere in un ambiente totalmente aperto. Una finestra lunga e stretta, sempre di Eku, assicura la corretta luminosità al locale.

Nel bagno e nella camera da letto si ripetono gli stessi modelli di serramenti, sempre privi di schermature e sempre bianchi, così da sottolineare anche nella zona notte lo stile pulito e candido del resto dell’appartamento. In bagno, però, sono stati scelti vetri a finitura opaca che proteggono la privacy di chi si trova nella stanza.

Foto di Paolo Fusco

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2018 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151