Antiche suggestioni

Villa nel Salento, Antonio Sergio

Nella penisola salentina un’architettura contemporanea dalle linee geometriche pure spalanca le sue facciate verso lo spazio esterno con grandi vetrate

Salento

La villa è composta da tre volumi distinti che, attraverso una giacitura autonoma, si intersecano e contemporaneamente si divaricano tra loro

All’esterno appare come una costruzione quasi eterea, completamente bianca e scandita da tre grandi volumi disposti a raggiera, sopraelevati rispetto al livello della strada. Costruita all’interno di un’area caratterizzata da residenze unifamiliari di modesta volumetria e da aree agricole coltivate a uliveti, la residenza porta la firma dell’architetto Antonio Sergio. Dai tratti marcatamente contemporanei fa eco ai colori del Salento, il bianco delle masserie disseminate nel territorio e delle case a calce senza tetto presenti in alcune tra le più belle città della Regione.

La scelta di scomporre la struttura in tre volumi distinti, che attraverso un’autonoma giacitura si intersecano e contemporaneamente si divaricano tra loro, ha consentito al progettista di disegnare spazi interni ed esterni molto articolati e frammentati. «Questa frammentazione esprime l’esigenza di ubicare la nuova architettura nell’intorno in maniera non perentoria», spiega il progettista. «Un esercizio compositivo che mi ha inoltre permesso di ottenere delle prospettive che includono all’interno degli spazi residenziali le belle visuali della campagna limitrofa e, nello stesso tempo, di escludere le visuali esterne composte da un’edilizia anonima». Un gioco di spazi che dà vita a un’architettura omogenea, caratterizzata da geometrie essenziali e da un’alternanza equilibrata di pieni e di vuoti, di opacità e trasparenze.

Grandi infissi in alluminio perfettamente integrati esteticamente con le facciate creano una sorta di fascia vetrata lineare e geometrica

L’ingresso è segnato da una scalinata imponente, elemento architettonico che nelle antiche case a corte del Salento era particolarmente caratterizzante e faceva da tramite tra la riservatezza della corte e la pubblica strada. Qui, compresa tra due dei tre blocchi presenti, conduce scenograficamente all’entrata principale, individuata da una grande porta bianca e da una piccola pensilina vetrata. Grandi pareti bianche lasciano spazio ad ampie vetrate che percorrono parte delle facciate e in particolare l’intera zona giorno su tre lati, regalando luminosità al grande soggiorno. Sono i grandi infissi in alluminio, con profili rigorosamente bianchi e perfettamente integrati esteticamente con le facciate, a creare una sorta di fascia vetrata lineare e geometrica.

Come nelle antiche case a corte del Salento, una scalinata imponente sottolinea l’ingresso

La forma dell’edificio, così complessa e particolare nel suo genere, si evidenzia anche al suo interno, dove ogni ambiente è pensato in perfetta autonomia rispetto agli altri spazi della residenza, e dove, grazie alla complessa composizione geometrica, si è cercato di ridurre al minimo le superfici destinate a corridoi e disimpegni a vantaggio degli ambienti con maggiore fruibilità.

All’interno, ogni ambiente è totalmente avvolto dalla luce che entra copiosa attraverso le vetrate: dalla cucina al soggiorno sino alla zona notte, dove, nei punti in cui i tre volumi si intersecano, le aperture dei diversi volumi sono praticamente una di fronte all’altra a creare visivamente un continuum spaziale tra un elemento architettonico e l’altro. Il candore delle facciate esterne si ritrova anche negli ambienti interni, alternato al legno chiaro di alcuni arredi e al rivestimento color argento di alcune pareti. Un mix di materiali che nella zona notte trova la sua più alta espressione nel rivestimento di un’intera parete realizzata con cementine salentine recuperate, accostata a una testiera del letto in legno traforato laccato bianco, dietro la quale si scorge un mobile in laminato argentato.

Foto di Francesco Liquori

VILLA NEL SALENTO  
Dove: Borgagne, frazione Di Melendugno (Lecce)
Progetto architettonico: Antonio Sergio
Direzione lavori: Antonio Sergio
Impresa costruttrice: Midemar
Superficie totale costruita: 249,30 metri quadrati
SERRAMENTI
Finestre: in alluminio, modelli FW 50 e SE AWS/ADS 65 di Schüco
Sistemi di oscuramento: tende a rullo, di Maritens
Porte esterne: Schüco
Porte interne: in legno, realizzate su disegno da Legno Arreda

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2018 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151