Smart kitchen

È lo spazio più vissuto della nostra casa. Uno spazio tecnologicamente evoluto che non dimentica comfort e praticità, dove la porta è lineare ed essenziale

kitchen

Dea della collezione CityDoors di Doimo Cityline scorre a scomparsa filomuro e ha profili in alluminio nella finitura bianca, con pannelli in vetro trasparente. Lineare ed essenziale nel design anche la maniglia Altea

Ambiente conviviale per eccellenza, la cucina diventa sempre di più uno spazio multifunzionale e fluido, aperto verso la zona living, ma anche uno luogo ricco di tecnologia ed elettrodomestici evoluti. Grazie a un forte rinnovamento delle abitudini, da semplice vano di servizio chiuso in se stesso si è trasformata in un contesto piacevole e funzionale e, grazie all’IoT, è diventata sempre più “smart”. La sfida è tradurre una maggiore connessione in un miglioramento delle prestazioni degli elettrodomestici, a partire dalla possibilità di personalizzare le funzionalità secondo le proprie esigenze e abitudini, ma anche di monitorare i consumi per ottenere un risparmio delle risorse e quindi, in concreto, anche economico.

Oggi, tramite le App, gli elettrodomestici si accendono a distanza, svelano ricette e funzionalità nascoste e, grazie a una telecamera interna, ci permettono di verificare via smartphone l’andamento della cottura oppure cosa manca nel frigorifero. Si amplia anche la proposta di sistemi per connettere uno o più elettrodomestici, soprattutto piano e cappa, per mezzo di sensori sofisticati. Senza intervento dell’uomo, le due macchine dialogano tra di loro entrando in azione nei tempi giusti e nelle modalità più corrette. Nel futuro questi sistemi saranno aperti anche ad altri, come la gestione delle luci e delle tapparelle, in un ecosistema evoluto per il nostro comfort.

Ma come si arreda una cucina hi-tech? Il materiale principe dello stile iper-tecnologico è l’acciaio, che può essere utilizzato per piani di cottura ed elettrodomestici, ma anche nei diversi ambienti della casa, spaziando dalle semplici finiture, come profili e maniglie, per arrivare a mobili coordinati, come isole multifunzione, contenitori modulari e dispense superattrezzate. Le tinte sono assolutamente neutre, nelle tonalità del grigio, bianco, sabbia, fino ad arrivare al nero assoluto. Le note di altri colori sono permesse ma in quantità minori – tra quelli più di tendenza, l’Ultra Violet, oppure il rosso e il verde – con elettromestici “free standing”, grandi o piccoli che siano, che diventano elementi catalizzanti nell’arredo. Grande utilizzo di materiali innovativi come il Corian o il Silestone, ma anche della pietra naturale e dell’intramontabile legno, preferiti da chi, accanto alla tecnologia, cerca atmosfere più calde e accoglienti. In questo caso, per gli arredi la preferenza va ai colori della natura, perfettamente coordinabili con il living per creare ambienti soft.

E le porte? Meglio sceglierle in base all’estetica dell’insieme, privilegiando modelli lineari e non troppo elaborati, con linee semplici ed essenziali. Via libera alle tonalità neutre come il bianco e il crema, che si abbinano facilmente con gli stili più diversi, e limitare le porte colorate ai contesti neutri per dare una sferzata di vivacità. Anche il vetro è un’ottima soluzione: può illuminare un ambiente un po’ buio oppure diventare un elegante soluzione per separare la cucina dal living.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2018 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151