Le dieci competenze vincenti

Sono le “soft skills” le competenze più utili alle aziende in anni così competitivi, in aggiunta a quelle tecniche specifiche di settore. Lo rivela un’inchiesta del World Economic Forum

Foto by Vectorpocket / Freepik

Le caratteristiche richieste dal mondo del lavoro di oggi sono riportate in un’indagine del World Economic Forum e rappresentano le richieste delle aziende in fase di selezione del personale e contemporaneamente ciò che le aziende si aspettano dai loro dipendenti. Primo dato interessante: date per scontate le competenze tecniche o a parità di queste, sono quelle che si chiamano “soft skills” a fare la differenza. Ecco quali sono.

La prima in ordine di importanza è il Complex Problem Solving, ovvero la capacità di portare soluzioni e non problemi, tanto più per situazioni complesse. Di fatto implica elevata flessibilità e capacità di leggere e affrontare nuove situazioni, riuscendo a individuare modi innovativi per gestirle. È una competenza che interessa in modo particolare i titolari e i direttori, che devono organizzare i responsabili di medio livello di gruppi e progetti.

La seconda è il Pensiero Critico, che non è l’essere contro per definizione, bensì la capacità di analizzare, valutare e discernere. Il pensiero critico è una bella sintesi tra osservazione, esperienza, ragionamento e comunicazione. È il tentativo di andare oltre la valutazione parziale del singolo soggetto e si basa su valori come la chiarezza, l’accuratezza, la precisione e l’evidenza.

La Creatività è il terzo miglior requisito per trovare soluzioni innovative e sappiamo quanto sia stata rilevante questa capacità in un sistema economico mondiale in crisi, come quello di questi anni. Poiché ogni persona corre il rischio di perdere questa caratteristica con l’avanzare dell’età anagrafica, è determinante rinnovarla conl’inserimento nei team di persone giovani.

Ecco le cinque migliori abilità nel lavoro
L’interpretazione che possiamo fare delle prime cinque migliori caratteristiche di fatto racconta le diverse abilità del personale direttivo nel leggere i cambiamenti che avvengono e nel trovare soluzioni per situazioni sempre più complesse. E questo sempre più è richiesto come una dote di un singolo individuo e sempre meno di un intero staff. È poi al singolo responsabile indirizzare il team di lavoro e fare in modo che si realizzi ciò che si è progettato. Per quest’ultimo aspetto la capacità di saper gestire e motivare le persone, condividendo con lo staff progetti e metodi, accompagnato dall’abilità di gestire emozioni e di coordinamento, diventano le fondamenta su cui poggiare l’intera struttura organizzativa ed esecutiva aziendale, dai piani alti fino alla base.

Segue la Gestione delle Persone, che implica il saper organizzare una struttura e soprattutto saper gestire, motivare, valorizzare e anche riprendere le persone. È un’abilità che prevede anche intelligenza emotiva e capacità di prendere decisioni. Attività che richiede notevole investimento di tempo e alta sensibilità umana, è di altissima rilevanza nelle organizzazioni anche per limitare la fuoriuscita del personale e per creare ambienti sereni.

La Capacità di Coordinarsi con gli Altri arriva immediatamente dopo, dato che il lavoro è sempre più in team. Significa saper organizzare il proprio lavoro, saper definire le priorità e saperle cambiare quando necessario, riuscendo a inserirsi in un flusso di lavoro, detenuto da tanti e non solo dal singolo individuo, riuscendo a far fronte ai momenti di crisi con le sue interruzioni e le inefficienze a cui fare fronte.

Intelligenza Emotiva è la capacità di riconoscere le proprie emozioni e comprenderle, sapendo usarle e riuscendo a gestire le emozioni proprie e altrui. Sono state le scienze cognitive a farci capire che la capacità di capire e guidare le proprie emozioni fornisce la possibilità di gestire i propri sentimenti e quelli altrui allo scopo di raggiungere obiettivi. La capacità di motivare se stessi, capire i sentimenti altrui, saper controllare l’umore e i propri stati d’animo, coltivare la resilienza comprende la capacità di non arrendersi nel perseguire un obiettivo nonostante le difficoltà emozionali che lo contraddistinguono.

La Capacità di Prendere Decisioni è necessaria per chi ha un ruolo di leadership. Implica il saper ascoltare e condividere e decidere la strada verso cui indirizzarsi, motivando anche la struttura nella stessa direzione.

Service Orientation è la predisposizione a prendersi cura degli altri ed è frequentemente più femminile che maschile. Possiamo sintetizzarlo tra accoglienza, attenzione e premura nei confronti del cliente.

Penultima caratteristica in ordine di importanza è la Negoziazione, capacità strategica per creare benessere economico e relazionale sia a livello individuale sia a livello aziendale che incide sul conto economico, sulla reputazione e sull’autorevolezza.

Infine, la Flessibilità Cognitiva impatta sulle funzioni esecutive, in particolare sulla flessibilità di risposta quando si presentano situazioni non ricorrenti, in cui l’abilità è nel modificare velocemente i comportamenti in funzione del cambio di regole o di compito.

Le caratteristiche scontate
Le tre caratteristiche che di fatto ci si aspetta sempre di trovare nei propri collaboratori sono la capacità di prendersi cura in primis del cliente esterno e interno, negoziando condizioni, progetti e tempi per garantire un buon clima di lavoro e la flessibilità di ri-orientare progetti e modalità di conduzione in funzione delle mutate condizioni. Di fatto significa dotare l’azienda di una struttura in grado di decidere e gestire situazioni in modo autonomo rispetto alla gerarchia aziendale. Quindi significa anche aziende meno ingessate in una catena di comando molto strutturata, garantendo flessibilità e velocità di scelta agli operativi, che devono essere motivati e incoraggiati ad assumersi queste responsabilità.
Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2018 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151