Il Ministro Danilo Toninelli in visita a SAIE 2018

Danilo Toninelli

Il Ministro Danilo Toninelli durante la visita a SAIE. Foto di Silvia Creta

Tengo moltissimo ad essere qui al SAIE di Bologna. Sto visitando gli stand e sono convinto che dall’edilizia passi la ripresa economica del Paese”, ha dichiarato Danilo Toninelli, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti durante la sua visita a SAIE 2018. “Purtroppo questo è uno dei settori che ha risentito maggiormente della crisi degli ultimi anni e dobbiamo mettere in campo tutto quanto è necessario per rilanciare gli investimenti e ridare lavoro alle decina di migliaia di imprese che abbiamo in Italia, da quelle a gestione familiare a quelle di dimensioni medie e grandi. Girando in questi padiglioni, sto avendo conferma che a livello tecnologico siamo un’eccellenza su scala mondiale. Compito mio e del Ministero che guido è rilanciarla. Come? Iniziamo a semplificare il Codice Appalti e vedrete che l’economia ripartirà con maggiore facilità”.

Numerosi gli stand visitati dal Ministro, che ha attraversato tutti i cinque padiglioni della fiera, tre dei quali dedicati al software e alla digitalizzazione, prima di fermarsi all’Arena delle Eccellenze nel Centro Servizi per chiudere il convegno organizzato da Federcostruzioni sulla nascita della piattaforma digitale europea del settore.

Ad accompagnare il Ministro Toninelli negli spazi di BolognaFiere c’erano la Prefetta di Bologna Patrizia Impresa, il Vicepresidente di Senaf Gianfranco Ferilli, il Direttore Commerciale di BolognaFiere Marco Momoli, il Direttore Generale di Senaf Emilio Bianchi, l’Exhibition Manager di SAIE 2018 Antonella Grossi.

Tra i temi delle conversazioni:

  • il Sismabonus, incentivo da rendere stabile, in un più generale contesto in cui è necessario fare cultura sulla fragilità del nostro territorio;
  • attenzione all’efficacia dei materiali e non solo al costo singolo degli interventi, anche per l’adeguamento delle strutture scolastiche;
  • oltre alla semplificazione, l’aggiornamento normativo sollecitato dalle associazioni di categoria come Federcostruzioni e AIST (Associazione Italiana del Software Tecnico) e dalle singole aziende.

La risposta del Ministro: “Apriamo un tavolo tecnico sulla normativa includendo i rappresentanti della filiera”.

A incuriosire Toninelli lungo il percorso sono stati i robot capaci di assemblare in automatico le facciate esterne degli edifici, ma anche i sistemi che garantiscono la sicurezza in cantiere, piuttosto che la customizzazione di soluzioni che portano la meccanica e la manifattura nell’architettura.

Attenzione inoltre alle proposte suggerite dal mondo accademico: a partire da Politecnico di Milano e Indexlab con l’”Advancing Building Construction Systems”, un luogo di aggregazione dove la creatività e il “codice digitale” sono al centro del progetto. In mostra anche esempi di stampa automatizzata reticolare spaziale mid-air per partizioni interne di edifici (muri parametrici) e rivestimenti realizzati con metodi di assemblaggio automatizzato. Sperimentazioni la cui applicazione sconta la mancanza di normative aggiornate. “Sono qui per raccogliere informazioni e farmi carico delle vostre segnalazioni” ha assicurato più volte il Ministro, tra una spiegazione di prodotto e tante strette di mano.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2018 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151