Asilo da fiaba

Scuola materna a Silandro, Christian Kapeller

apertura bassa

La porta di accesso, in rovere, è realizzata su disegno

Un luogo dove la natura fonde tradizione e innovazione: materiali naturali e prestazioni da Classe A+

Tra terrazzamenti in pietra e alberi secolari di castagni, la scuola materna di Silandro sembra il luogo ideale dove accogliere i bambini. Appena fuori dal centro del paese, si inserisce in una zona collinare dai dolci pendii, ai piedi di un monte che dal nome sembra appena uscito da una favola, il monte Tramontana. Il progetto è dell’architetto Christian Kapeller, che ha disegnato un volume irregolare, formato da due cubi sfalsati, che si incastra tra i declivi di un giardino trasformandoli in occasione ludica. Seguendo l’impostazione pedagogica Montessori, sia il nuovo edificio sia gli spazi aperti sono stati progettati in modo da poterli suddividere per le diverse attività dei bambini, guidando i piccoli a confrontarsi con natura e con l’ambiente circostante in una nuova forma di scoperta e di apprendimento.

vetrata bassa

Le ampie pareti vetrate sono in alluminio ad alta efficienza termoacustica

A questa attenzione per l’ambiente non poteva che corrispondere un’attenzione all’ecologia anche nella scelta dei materiali, primo fra tutti, il legno. Molti sono i motivi che hanno convinto l’architetto Kapeller a scegliere questo intramontabile elemento per la struttura della scuola: per esempio, l’impiego del legno di rovere ha permesso di ottenere alte prestazioni termiche ed energetiche, degne di una Casaclima A+. Il legno della facciata, oltre a integrarsi armoniosamente nel paesaggio, avvicina spontaneamente i bambini a questo materiale naturale e quindi al concetto di sostenibilità.

finestre_1 bassa

Le finestre in legno di rovere lamellare sono complanari all’interno e all’esterno

La scuola si sviluppa lungo il confine ovest del terreno, su due piani orientati secondo l’asse sud-nord, ponendo particolare attenzione alle caratteristiche degli alberi, dei terrazzamenti e dell’illuminazione circostante. Proprio perché è un’architettura dove i più piccoli trascorrono gran parte della giornata, una corretta e copiosa illuminazione naturale era uno degli obiettivi di Kapeller, che ha progettato un edificio con ampie finestre e pareti vetrate irregolari, che oltre a garantire luminosità offrono la vista diretta del bosco e del prato. Le ampie pareti vetrate, come quella della facciata principale, sono realizzate con profili in alluminio ad alta efficienza di isolamento termico all’altezza degli standard della casa passiva. Sullo stesso lato dell’edificio si apre anche la porta di accesso, ricavata nel punto più riparato della scuola, tra le due ali dei cubi sfalsati: è a doppia anta, in rovere, realizzata su misura. Una piccola tettoia ripara l’ingresso dalle intemperie e riprende materiale e colore delle pareti vetrate.

cubo bassa

L’edificio, incastrato tra i declivi di un giardino, è formato da due cubi sfalsati

Una serie di finestrature sembra invece “bucare” il rivestimento in legno in tutti i suoi prospetti. Al piano terra si aprono delle portefinestre complanari che danno direttamente sul giardino, mentre ai piani superiori le finestre hanno dimensioni e posizioni irregolari, così da movimentare tutto il volume della scuola. Le finestre complanari hanno telaio in legno lamellare di rovere a quattro strati, che garantiscono una maggiore stabilità, e triplo vetro. Silandro è in una regione dove gli inverni sono rigidi, con nevicate e piogge abbondanti: era necessaria quindi la scelta di serramenti ad alta tenuta. Montanti e traversi del telaio e dell’anta vengono levigati in lungo per una superficie migliore e maggior tenuta nel tempo della verniciatura; inoltre, per una migliore tenuta il trattamento della superficie dei serramenti è formato da un impregnante preservante, antitarlo e antimuffa, e da un trattamento finale con prodotti acrilici idrosolubili, trasparenti e coprenti, contenenti pigmenti resistenti ai raggi UV. Tutta la ferramenta è nascosta e le guarnizioni sono insensibili ad agenti atmosferici, luce e ozono senza interruzioni sugli angoli.

Foto di Rene Riller

Scuola materna  
Luogo: Silandro (Bolzano)
Committente: Comune di Silandro (Bolzano)
Progetto architettonico: Architetto Christian Kapeller (Silandro, Bolzano)
Direzione lavori: Architetto Christian Kapeller
Consulente: arch. Stephan Marx (Schlanders, Bolzano)
Impresa costruttrice: Rubner Objektbau (Brunico, Bolzano)
Superficie totale costruita: 1.500 metri quadrati
Serramenti
Vetrate facciata: in alluminio, sistema H-I 56 di Raico
Finestre: in legno, Wolf Artec
Sistemi di oscuramento: Hella Italia (Brunico) in programmazione, non ancora realizzati
Porte esterne: in rovere, Rubner Holding
Porte interne: in rovere, Rubner Holding

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2020 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151