Colore & matericità

Impatto visivo e tattile forte e deciso. Così si esprimono i pannelli di rivestimento per blindate di Raffaele Gerardi

DibiDesign Papeete

I pannelli pantografati della collezione DibiDesign evocano simboli, oggetti, segni, sensazioni. Papeete, con le sue linee morbide, richiama la località polinesiana e il mare su cui si affaccia

“Il mio è un pensare di mente e di pancia, perché cerco lo stupore”, così esordisce Raffaele Gerardi, che continua “una volontà, anche ludica, perché io amo divertirmi con il progetto. Senza schemi e senza regole, vivo il progetto in modo intenso ed emotivo che trova spazio e si codifica nelle mie intuizioni. Le mie radici si svelano sempre e conferiscono al design i caratteri che mi sono distintivi. E poi c’è la pittura, sempre lei, sempre presente, sempre imponente, che convive con tutte le altre mie passioni e cerca spazio, sempre, per aggiungere significato. Si lavora per errori, si superano nel tempo e si evolve anche in modo irrazionale, casuale, istintivo”.

Raffaele Gerardi

Non tralascio mai nessun aspetto funzionale, ma credo fortemente nel fattore attrattivo, seduttivo di un progetto

Raffaele Gerardi

Quale ritiene siano le tendenze nel settore delle porte blindate?
Credo che la tendenza generale sia quella di indicare le porte, anche blindate, non più solo come elemento di sicurezza, ma anche come dettaglio d’arredo sempre più protagonista degli ambienti, sempre meno un accessorio/funzione ma un elemento di riconoscibilità. Credo che ci sia ancora tanto spazio per la creatività e lo sviluppo delle sue funzioni.

Sono tante le collezioni di pannelli di rivestimento per blindate che ha disegnato. Quale le ha dato più soddisfazione?
Tutte. Anche DibiTotem, perché ho creduto in una efficace tridimensionalità del pannello. E poi Dibi Design. Perché c’è stato un bellissimo e proficuo lavoro di team con il vulcanico Michele Del Vecchio, in uno scambio professionale denso di stimoli e nuovi significati. E poi perché Dibi Design ha rappresentato il primo esempio di pannelli pantografati, un nuovo concetto di porte, che ha introdotto altre “porte” di pensiero.

DibiVisual Squares

Squares della collezione DibiVisual è rivestito in polimerico nel colore verde chiaro pastellgruen. Sono disponibili anche tonalità che richiamano il legno

Ci può parlare meglio dei pannelli pantografati?
La collezione Dibi Design nasce per dare alle porte forte identità e carattere. Il segno come espressione è concepito nel progetto attraverso il pannello pantografato, antesignano di tante altre collezioni, anche di altri Brand, che proprio in Dibi Design trovano i prodomi di una tendenza che reinventa anche le forme classiche e stravolge quelli che erano i linguaggi ornamentali delle porte. I pannelli modellano lo spazio, evocano simboli, oggetti, segni, e sono rivolti ad un pubblico attento ai dettagli e allo stile, e a chi ama dare carattere ai propri ambienti.

Matericità e senso tattile sono aspetti presenti in alcuni pannelli.
È vero, soprattutto nella collezione Dibi Visual, che evoca i cinque elementi naturali della filosofia cinese: legno, fuoco, terra, metallo e acqua. Immaginata come gioco di ombre e contrasti per una piacevole sensazione materica, l’elemento terra e quello tattile si sono fusi in una linea che si rivolge a chi desidera originalità e gusto e che trasforma le porte da accessorio e semplice elemento funzionale a dettaglio d’arredo, a complemento prezioso.

Anche l’intarsio è presente in alcune soluzioni. Quali i motivi di questa scelta estetica?
La scelta non è stata solo estetica ma anche concettuale: la collezione Dibi Intarsio è radicata nella memoria e nella qualità artigianale dell’intarsio, nel recupero della tradizione manifatturiera italiana e nel senso del prezioso inteso come qualità, non solo estetica ma anche e soprattutto delle lavorazioni. Gli intarsi suggeriscono eleganza e valore, per porte dall’alta performance estetica.

Finitura grigia per il pannello Cina della collezione DibiIntarsio, lavorato manualmente ad intarsio. È possibile ottenere oltre 1.900 combinazioni

Finitura grigia per il pannello Cina della collezione DibiIntarsio, lavorato manualmente ad intarsio. È possibile ottenere oltre 1.900 combinazioni

Il colore sembra avere un ruolo importante per i suoi rivestimenti. Quali preferisce usare?
Il colore è parte integrante del design, ne determina insieme il carattere e le declinazioni. Io preferisco usare colori caldi, che evocano la terra, vibranti di sensazioni e suggestioni; tonalità pastello, morbide, che accompagnano con delicatezza le forme del design. A volte il mercato richiede tonalità più forti e impattanti.

Anche la personalizzazione è un aspetto importante…
Partendo da un materiale innovativo, amico dell’ambiente, l’HDF naturale dall’impasto legnoso colorato, abbiamo concepito la linea DibiDoku, che offre un’infinita possibilità di pannelli di rivestimento per porte blindate e porte da interni. Una collezione altamente personalizzabile, che lascia spazio alla creatività e alla personalità di ogni cliente. Infatti sul sito www.dibidoku.com c’è un configuratore online attraverso cui si può creare il proprio pannello scegliendo tra le molteplici combinazioni. Abbiamo voluto regalare l’opportunità di creare la porta dei propri desideri, tramite moduli geometrici componibili.

Gli aspetti tecnici quale influenza hanno nella progettazione di un rivestimento per blindata?
Tantissima influenza. Bisogna studiare il progetto tecnico e creare un concept creativo in linea con l’esigenza tecnica. L’azienda Di.Bi. è per me un laboratorio prezioso, una fucina di idee e soluzioni, dai continui stimoli professionali. Con Michele, Caterina, Cesare e tutti i collaboratori esperti e sempre attenti ad ogni dettaglio, ho potuto sperimentare e trovare nuove idee. Non tralascio mai nessun aspetto funzionale ma credo fortemente nel fattore attrattivo, seduttivo di un progetto.

Le soluzioni complanari sono molto diffuse nel settore. Cosa ne pensa?
Sono soluzioni interessanti, integrano alla perfezione le porte con il contesto strutturale.  Invisibili, si mimetizzano con le pareti e creano un effetto minimal di grande tendenza. Un progetto che realizza l’integrazione totale fra porta e pareti: una sintesi sempre più esclusiva fra elementi d’arredo e architettura d’interni, un ragionamento progettuale che vuole, alla fine, declinare personalità e identità dell’oggetto porta, con più rigore e funzione.

Quale rapporto ha con i materiali e quali preferisce usare?
I materiali sono il mio punto di partenza. Animano conoscenza e ricerca, ogni progetto ne ha uno speciale e bisogna cercarlo, identificarlo. I materiali rivestono ruolo di origine e approdo, di stimolo e di sfida. Il mio design trae energia, significato, dal materiale scelto, ma di esso ne giustifica anche il significato e l’utilizzo. Devi conoscerli e farli tuoi. Ultimamente sto lavorando su materiali come l’acciaio, il vetro temperato e la plastica, dalla forte connotazione tecnologica.

Da cosa trae ispirazione nel su lavoro di designer?
Osservo la gente, mi soffermo sui gesti della vita, ma soprattutto dai viaggi e dalla natura e dal cibo, dai colori e dalle esperienze umane, quelle vissute ogni giorno, che mi danno ispirazione e stimolo. Osservo l’evolversi della tecnologia che io chiamo “tecnomagia”, perché l’uomo arriva a creare cose sorprendenti. Poi c’è la pittura, non come pratica ma come conoscenza, come interpretazione della realtà. Da sempre è la mia grande fonte di ispirazione, come un virus che tutto contagia e tutto pervade, attaccato in maniera viscerale al mio fare e progettare.

Proposti in una gamma di colori pastello che ricordano l'elemento terra, come questo giallo mais, i rivestimenti DibiVisual sono disponibili in 54 varianti cromatiche dei polimerici per uso interno e per uso esterno, purché al riparo dagli agenti atmosferici. Tree richiama l’elemento cinese del legno

Proposti in una gamma di colori pastello che ricordano l’elemento terra, come questo giallo mais, i rivestimenti DibiVisual sono disponibili in 54 varianti cromatiche dei polimerici per uso interno e per uso esterno, purché al riparo dagli agenti atmosferici. Tree richiama l’elemento cinese del legno

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2021 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151