Tende: al riparo con eleganza

Tutto quello che c’è da sapere per sceglierle bene: dai vantaggi, ai modelli, ai tessuti. Senza dimenticare la possibilità di usufruire della detrazione fiscale

La tenda rullo per interni Rollbox serie 79 di Mottura, a uso filtrante e riflettente, è dotata di cassonetto dalle linee squadrate, che diventa anch’esso elemento di design. È in alluminio con testate in materiale termoplastico e si installa a soffitto. La tenda è azionabile a molla decelerata, a motore o con alimentazione a batterie ricaricabili Li-Ion integrate

La tenda rullo per interni Rollbox serie 79 di Mottura, a uso filtrante e riflettente, è dotata di cassonetto dalle linee squadrate, che diventa anch’esso elemento di design. È in alluminio con testate in materiale termoplastico e si installa a soffitto. La tenda è azionabile a molla decelerata, a motore o con alimentazione a batterie ricaricabili Li-Ion integrate

Utilissime come schermi solari e per salvaguardare la privacy, le tende giocano un ruolo importante anche nell’economia energetica dell’edificio, perché, intercettando e bloccando le radiazioni solari, evitano un eccessivo aumento della temperatura interna, permettendo così di ridurre l’utilizzo della climatizzazione. Non solo. Le tende contribuiscono a migliorare l’estetica dell’edificio e rappresentano un utile strumento per creare uno spazio vivibile, godendo al meglio del terrazzo, del patio oppure del pergolato.

Il tipo giusto per ogni ambiente
Le diverse tipologie disponibili si differenziano per il tipo di apertura-chiusura, da scegliere in base all’ambiente e allo spazio in cui inserirle.
Per il balcone e il terrazzo, le tende a bracci estensibili sono la soluzione più pratica. Sono costituite da una struttura metallica portante di dimensioni contenute, sulla quale è arrotolato il tessuto. L’apertura, che può essere manuale o motorizzata, provoca l’estensione verso l’esterno dei bracci e quindi la tensione del telo. La loro elevata stabilità permette una sporgenza più ampia e sicura del telo senza l’esigenza di impiegare altri dispositivi di sostegno. Alcuni modelli sono provvisti di un cassonetto ancorato alla parete, che raccoglie al suo interno il telo e i bracci; il cassonetto viene chiuso ermeticamente dal frontale della tenda una volta raccolta.
La tenda a caduta verticale è la soluzione più semplice per la finestra. Di struttura lineare, può essere provvista di braccetti a sporgere applicabili al parapetto o alla ringhiera. Installate su ogni lato, sono adatte anche per proteggere le terrazze. Di ispirazione più classica ed elegante è invece il modello a capottina, caratterizzato da una struttura in metallo che si apre a soffietto creando una tenda curvata. Ideale per la finestra, può essere utilizzato anche sul terrazzo, al quale offre una copertura laterale.
Le tende a pergolato sono invece destinate a zone di ampie dimensioni, come terrazzi spaziosi e patii sul giardino, dove sia possibile installare una struttura di sostegno fissa a terra e a parete. Il telo può essere a strisce fisse, che passano tra una trave e l’altra della copertura, oppure con apertura a pacchetto e scorrimento entro guide predisposte. Il movimento è manuale oppure motorizzato, regolabile con telecomando o con comando a parete, una soluzione, quest’ultima, molto comoda quando la superficie della tenda è piuttosto ampia e quindi pesante da movimentare.
Oltre a quelli di apertura, altri dispositivi automatici rendono le tende più funzionali: per esempio, i sensori che ne controllano la chiusura in caso di vento o pioggia, preservandola dal danneggiamento.

Tende per l’interno
Le tende tecniche da interno, una volta scelte prevalentemente per gli ambienti business, stanno conquistando spazi sempre maggiori anche nel residenziale. L’ampiezza della gamma di tessuti e colori le sta infatti trasformando in un interessante elemento d’arredo. I modelli spaziano dal rullo, dove il tessuto si avvolge in un piccolo cassonetto, alla veneziana costituita invece da lamelle, ovvero fettucce rigide disposte in orizzontale, orientabili a piacere e impacchettabili verso l’alto, in genere sono fissate direttamente al telaio dell’infisso.

Le detrazioni fiscali
Un importante strumento di vendita è la detrazione fiscale. Fino al 31 dicembre 2015, chi acquista le tende può usufruire dell’Ecobonus del 65%, stabilito dalla Legge di Stabilità n°190 del 23 Dicembre 2014, per il costo per l’acquisto e la posa in opera delle schermature solari. La detrazione è valida in caso sia di nuova installazione, sia di sostituzione delle schermature solari esistenti, indipendentemente dalla sostituzione dei serramenti. L’importo massimo previsto è di 60.000 euro.
Per schermature solari si intendono quelle indicate nell’allegato M del decreto legislativo n. 311/2006, ovvero chiusure oscuranti e tende esterne che fanno rispettivamente capo alle norme di prodotto:

  • UNI EN 13659 Chiusure oscuranti – Requisiti prestazionali compresa la sicurezza: veneziane esterne in alluminio, frangisole, chiusure oscuranti, persiane, scuri, tapparelle…;
  • UNI EN 13561 Tende esterne – Requisiti prestazionali compresa la sicurezza: tende da sole, tende per lucernari, tende per serre, tende a bracci, tende per facciate, tenda da facciata a rullo, tende a veranda, tende a pergola, cappottine, zanzariere e tende antinsetto, schermi solari mobili.

Per usufruire del bonus è necessario effettuare il pagamento ricorrendo al bonifico bancario oppure al credito al consumo, per i privati, o tutti gli altri sistemi di pagamento per le imprese.

Resstende Nano

Le tende da interni della collezione Nano di Resstende si azionano con una meccanica a rullo. L’installazione è facile e avviene con il velcro, applicato direttamente sul vetro, oppure con apposite clip per l’applicazione a serramento; si può applicare su finestre tipo vasistas o basculanti. La tenda è studiata per schermare finestre di piccole dimensioni. È singola, con cassonetto e rullo per lo scorrimento della tenda, oppure doppia con due cassonetti scorrevoli verticalmente, per regolare il passaggio della luce dal basso o dall’alto. I tessuti sono in versione filtrante, oscurante oppure opachi, in varie trame e colori

Gli aspetti normativi
Le tende per esterni devono avere obbligatoriamente la marcatura CE, essere provviste di dichiarazione di conformità, istruzioni d’uso e manutenzione, e classificazione della resistenza al vento che, in base alla norma UNI EN 13561, è considerato il fenomeno più critico. Ulteriore garanzia di qualità è rappresentata dall’etichettatura volontaria Assites, rilasciata dall’Associazione Italiana Tende, Schermature Solari e Chiusure Tecniche, che unisce oltre 270 aziende legate al settore.
Non ci sono indicazioni particolari in caso di abitazione autonoma, a meno che non sia situata in un centro storico in cui la Sovrintendenza abbia posto delle regole precise di decoro. Per il condominio, invece, prima di installare la tenda è necessario ottenere l’autorizzazione dall’assemblea dei condomini. La tenda dovrà rispettare eventuali caratteristiche indicate nel Regolamento condominiale su modello e colore, oppure sui modelli già presenti nello stabile, oppure, in mancanza di regolamentazione, si dovranno approvare in assemblea le caratteristiche. È importante che non venga compromessa l’uniformità dell’insieme e non sia alterato il decoro dell’edificio, ma anche che, con la tenda, non venga impedito agli altri condomini l’analogo uso della cosa comune e che non venga alterata la funzione di sostegno del muro perimetrale di ancoraggio.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2020 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151