Sole: resistenza Made in Italy

Nuova vita commerciale per gli oscuranti, tornati alla ribalta grazie a una legislazione che riconosce forti detrazioni fiscali. E così, Rollplast Pinto si presenta al mercato con una gamma ancora più ampia. Ne parliamo con i fratelli Angelo e Nicola Pinto

sole

Come lascia intendere il nome, la caratteristica essenziale della nuova tapparella Sole è quella di essere molto resistente alle temperature grazie all’inserimento nel PVC di uno speciale polimero che impedisce l’inarcamento della stecca

La punta di diamante dell’azienda Rollplast si chiama Duero e garantisce il 75 per cento in più di isolamento termico rispetto a una tapparella tradizionale. Si tratta di una doga per avvolgibili costituita dall’accoppiamento a incastro per compressione di due profilati di diverso materiale: un profilo in alluminio (fuori) e uno in PVC (dentro) riempiti di schiuma poliuretanica ad alta densità. Accanto a questo ci sono tapparelle che combattono le zanzare (Zanzartap), quelle che risolvono definitivamente i problemi di inarcamento delle stecche, irrigidite grazie all’inserimento di un polimero caricato al vetro per impedirne qualsiasi deformazione (Sole in commercio dal 2016), quelle che consentono un’ampia aerazione dei locali (Arialuce) e poi gli utilissimi frangisole per le grandi utenze come uffici, scuole e ospedali.

Un’ampia gamma di prodotti innovativi con cui Rollplast si presenta ai rivenditori e al mercato con un obiettivo ben preciso: garantire al consumatore il massimo risparmio energetico. Facciamo il punto con i fratelli Angelo Pinto, 33 anni, direttore commerciale e responsabile dello stabilimento area Nord di Polesine Zibello (Parma) e Nicola Pinto, 31 anni, direttore area marketing, sviluppo e innovazione e responsabile dello stabilimento area Sud di Polla (Salerno), che resta la mente e il cuore pulsante dell’azienda fondata nel 1985 dal padre Giuseppe Pinto.

Duero e garantisce il 75 per cento in più di isolamento termico rispetto a una tapparella tradizionale

Duero e garantisce il 75 per cento in più di isolamento termico rispetto a una tapparella tradizionale

Innovazione brevettata
«Sul modello del funzionamento dell’infisso legno-alluminio, nel 2012 abbiamo brevettato (innovandola ulteriormente nel 2015) la prima tapparella a risparmio energetico», spiega Nicola Pinto. «In alluminio all’esterno e PVC all’interno, garantisce il 75 per cento in più di isolamento termico rispetto a una tapparella tradizionale, offrendo inoltre notevoli vantaggi economici sia in termini di risparmio sul riscaldamento invernale, grazie a una minore dispersione di calore, sia in estate grazie all’interruzione di conducibilità termica dall’esterno all’interno, che permette di avere ambienti freschi nonostante il forte irraggiamento solare».

Vantaggi testati per un anno dal Consorzio Legno Legno che ha misurato l’escursione termica calcolando anche il risparmio per le tasche dei consumatori. L’Istituto Giordano, inoltre, ha certificato la resistenza e la trasmittanza termica: un normale avvolgibile in alluminio ha una resistenza termica dello 0,01 m²K/W, mentre quella dei due modelli Duero varia da uno 0,0324 a uno 0,0393 m²K/W. «Il particolare sistema di aggancio tra le due facce della stessa stecca nella tapparella Duero, interrompe la conducibilità termica del metallo. Ciò significa che, con l’alluminio posizionato all’esterno e il PVC all’interno, si interrompe la trasmittanza termica tra l’esterno e l’interno, a differenza di tutte le altre tapparelle che hanno una conduzione per via perimetrale. Semplificando: durante l’inverno l’appartamento mantiene il calore anche se fuori nevica, mentre in estate resta fresco anche se la tapparella è fortemente irraggiata e la colonnina di mercurio supera i 40 gradi centigradi», precisa Nicola Pinto.

Angelo Pinto

“Con il modello Sole abbiamo risolto definitivamente il problema dell’inarcamento delle tapparelle in PVC” Angelo Pinto

Una tapparella che strizza l’occhio ai rivenditori
Con queste caratteristiche tecniche la Duero conquista rivenditori e consumatori. «Una maggiore resistenza dei materiali – lamierini di alluminio da 0,36 mm, rispetto a quelli normali da 0,26 mm, schiuma poliuteranica ad alta densità al posto di quella usuale di media densità – oltre a una continua innovazione tecnologica la rendono un sicuro prodotto da vetrina, anche se il prezzo è leggermente più elevato rispetto alle tapparelle tradizionali (30-40 per cento in più)», sostiene Angelo Pinto.

Stop all’inarcamento delle doghe in PVC
«Con il modello Sole, in commercio dal 2016, abbiamo risolto definitivamente il problema dell’inarcamento delle tapparelle in PVC, derivante dalla dilatazione termica della stecca, specialmente quella di colore scuro, in caso di forte esposizione al sole», continua Angelo Pinto. Obiettivo centrato grazie all’inserimento di uno speciale polimero capace di irrigidire la tapparella e impedirne qualsiasi deformazione. «All’interno della nostra azienda sono attivi 16 impianti di estrusione del PVC», continua Pinto. «Dopo due anni di test e di prove in laboratorio e sul campo, abbiamo trovato un polimero, estrudibile insieme al PVC, che riempie i ponti tra la superficie interna e quella esterna della stecca. Grazie a questo rinforzo in PVC brevettato, il profilo acquisisce una maggiore resistenza anche in condizioni di notevole riscaldamento dovuto al forte irraggiamento solare, come capita d’estate specie per le tapparelle di colore scuro», precisa.

Con la tapparella Sole, disponibile in 17 diverse tonalità di colore, Rollplast offre ai rivenditori un prezioso strumento per cercare di recuperare quella clientela affezionata alle tapparelle in plastica che, a partire dagli anni Sessanta, si sono imposte nella maggior parte delle case italiane. Fino al 1990 infatti il 95 per cento del mercato chiedeva tapparelle in PVC, poi la normativa europea ha messo al bando il piombo, comportando un cambio di formulazione calcio-zinco. Da allora sono cominciati i problemi di inarcamento, soprattutto per le tapparelle scure, la cui domanda è drasticamente calata. Oggi Sole della Rollplast promette di invertire questa tendenza.

Foro largo o stretto?
Ambienti più luminosi e aerati oppure lotta senza esclusione di colpi alle zanzare? Rollplast è in grado di soddisfare entrambe le esigenze. Nel 2015 ha lanciato Arialuce: una tapparella a foro largo (18 mm per un’altezza di 5,5 mm) che, come descrive il nome, consente un maggiore riciclo di aria e lascia entrare più luce rispetto a una tapparella tradizionale, che presenta un foro di 2 mm di larghezza per 3 mm di altezza. Anche questo avvolgibile, come tutti gli altri, è disponibile in una vasta gamma di colori e misure.

«Contro le fastidiosissime zanzare, proprio per l’estate 2016, abbiamo lanciato un nuovo prodotto: Zanzartap, una tapparella in alluminio con zanzariera integrata», continua Nicola Pinto. «Al posto delle normali fessure c’è una microforatura che funge da zanzariera. In questo modo la tapparella abbassata è sempre un oscurante, ma diventa anche un utile strumento di difesa contro le zanzare, ostacolandone l’ingresso».

Nicola Pinto

“Contro le zanzare, proprio per l’estate 2016, abbiamo lanciato Zanzartap” Nicola Pinto

Frangisole per grandi utenze
Dallo scorso maggio, Rollplast ha messo inoltre in commercio diversi modelli di schermature solari per le grandi utenze (scuole, uffici, ospedali, alberghi), disponibili con profili di varie dimensioni e tipologie di manovra, che si chiudono a pacchetto con lamelle orientabili, a seconda del maggiore o minore irraggiamento solare. «I frangisole, per il momento, sono presenti sul mercato come prodotti finiti su misura, perché necessitano di apparecchiature e strumentazioni dispendiose per essere realizzati. In futuro, se il mercato risponderà positivamente, potranno anche essere acquistati anche in profili», sostiene Angelo Pinto.

Nuovo slancio al mercato
Non è superfluo ricordare ai rivenditori che nel calcolo delle prestazioni energetiche di un edificio utili per l’APE (Attestazione di Prestazione Energetica), il certificatore dovrà tenere in debito conto la presenza o meno di schermature solari. È quanto prevede il decreto legge 23 dicembre 2013 n. 145, convertito nella legge 21 febbraio 2014 n. 9, che riconosce un ruolo importante agli elementi schermanti. «Normative elaborate in sede europea sulla scorta delle regole imposte dal Protocollo di Kyoto e che certamente hanno ridato nuova vita e nuovo mercato alle tapparelle avvolgibili», concludono i fratelli Pinto.

Progettata per la schermatura di grandi luci, la linea Frangisole comprende diversi modelli, tutti disponibili sia con manovra manuale sia motorizzata a controllo con pulsante a parete o radiocomando

Progettata per la schermatura di grandi luci, la linea Frangisole comprende diversi modelli, tutti disponibili sia con manovra manuale sia motorizzata a controllo con pulsante a parete o radiocomando

Chi è Rollplast Pinto
Fondata nel 1985 da Giuseppe Pinto, l’attuale presidente, Rollplast Pinto è oggi guidata dai due figli. Angelo è direttore commerciale e responsabile dello stabilimento area Nord di Polesine Zibello, in provincia di Parma (16.000 m2 totali di cui 3.000 per la produzione e 500 per uffici), mentre Nicola è il direttore area marketing, sviluppo e innovazione e responsabile dello stabilimento area Sud di Polla, in provincia di Salerno (24.000 m2, di cui 6.200 dedicati all’unità produttiva reparto PVC, 2.800 all’unità produttiva reparto alluminio e 1.000 agli uffici). L’impresa, una realtà che conta 90 dipendenti e che ha inaugurato lo scorso anno un nuovo stabilimento proprio a Polla, grazie alle due sedi riesce a soddisfare le esigenze della sua clientela su tutto il territorio nazionale, con una logistica interna e con mezzi propri. Il 30 per cento del fatturato proviene dal mercato estero (Sud America, Est Europa, Medio Oriente, Germania e Francia). Rollplast vanta diverse certificazioni a partire dalla DNV Business Assurance Management System.
Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2020 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151