CoeLux: la finestra magica

Si chiama CoeLux ed è in grado di riprodurre la luce naturale in ambienti chiusi. Così si può vedere il cielo e risplendere il sole anche sottoterra

CoeLux_4

Paolo Di Trapani, classe 1962, è una continua fucina di idee. L’ultima gli è valsa nel 2015 un importante riconoscimento dal World Economic Forum, fondazione no profit con sede a Ginevra che ogni anno organizza a Davos, in Svizzera, il più importante incontro tra potenti della Terra, grandi manager dell’industria e della finanza, intellettuali e studiosi. Il World Economic Forum ha premiato Di Trapani per CoeLux, la start up fondata dal professore, come “Technology Pioneer 2015”, inserendo l’azienda nella prestigiosa lista delle società più promettenti del mondo.

Cielo e sole all’infinito
Con sede nel Parco tecnologico e scientifico di ComoNext (Lomazzo), l’italianissima CoeLux ha sviluppato la prima tecnologia in grado di riprodurre indoor i fenomeni ottici che governano la luce naturale. Tutto questo è possibile grazie a una finestra artificiale che porta la luce solare in stanze interrate, sulle banchine della metropolitana, nei piani sotterranei di hotel e ospedali. L’avventura è cominciata nel 2001 con le osservazioni e lo studio dei fenomeni ottici all’aperto, ed è proseguita con il deposito del brevetto e la fondazione dell’azienda nel 2009, fino al lancio sul mercato lo scorso anno del prodotto finito, il tutto grazie ai finanziamenti dell’Unione Europea.

Paolo Di Trapani

“Lo scopo di CoeLux non è creare un surrogato della luce solare, ma di riattivare nelle persone la capacità di percepirla” Paolo Di Trapani

La finestra CoeLux è una grande scatola in cui sono contenuti i tre elementi fondamentali su cui si basa: materiali nanostrutturati in grado, in pochi millimetri, di realizzare i processi diffusivi che avvengono nell’atmosfera, un sistema a Led di ultimissima generazione che ricrea le caratteristiche spettrali della luce solare e, infine, sofisticati sistemi di imaging optics che riproducono la profondità del cielo e il sole all’infinito. Il risultato finale è un effetto che crea le stesse condizioni dell’esposizione solare, dal colore alla saturazione alla qualità della luce. La luce generata dai Led attraversa il materiale che riproduce il cielo, a sua volta in grado di comportarsi proprio come l’atmosfera e diffondere così le onde luminose. Quello che ci apparirà, guardando dentro la cornice di CoeLux installabile tra il soffitto e un controsoffitto, sarà un cielo blu – con tre possibili inclinazioni solari: mediterranea, tropicale, nordeuropea – illuminato dal sole e dotato di tridimensionalità.

Una sfida italiana
A far scattare l’idea a Di Trapani è stato un saggio del 1937 sui fenomeni ottici all’aperto dell’astronomo belga Marcel Minnaert: «Dopo averlo letto, non riuscendo a osservare quei fenomeni in natura, li ho riprodotti in laboratorio. Solo dopo sono stato capace di vederli all’aria aperta: la mia percezione si è riattivata», spiega il professore. Così è nata CoeLux, non tanto con lo scopo di creare un surrogato della luce solare, piuttosto con quello di riattivare nelle persone la capacità di percepire la luce, in modo che possano goderne il più possibile quando si trovano all’aperto.

Una tecnologia dalle infinite applicazioni, richiesta in tutto il mondo, che può finalmente rendere abitabili architetture e spazi con condizioni di vivibilità molto difficili, come già fatto per esempio dal reparto di Radiochirurgia dell’Humanitas di Milano, che ha scelto di portare all’interno del reparto CoeLux per favorire un maggiore comfort ai propri pazienti, agendo positivamente sul loro umore, elemento fondamentale per affrontare al meglio malattie e guarigioni. Il prezzo del prodotto, per il momento, è molto alto ma Di Trapani e il suo team stanno cercando partner per l’industrializzazione, in modo da abbattere i costi. Una sfida che sarebbe bello restasse ancora in Italia.

Chi è Paolo Di Trapani
Professore di Ottica presso il Dipartimento di Scienza e Alta tecnologia dell’Università dell’Insubria, esperto di ottica nonlineare ultraveloce, ottica quantistica, localizzazione spaziotemporale della luce e di micro-nanofabbricazione laser, fondatore di Vino (the Virtual Institute for Nonlinear Optics), network internazionale di ricercatori che condividono conoscenza, strumentazione, laboratori e risorse finanziare, e di Stella (the School for Training in Experiments with Laser and Laser Applications), la prima scuola sperimentale dove scienziati offrono corsi di formazione sulle loro ricerche presso laboratori di eccellenza.

CoeLux_MarketSun_72 bassa

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2020 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151