Se il lavoratore è felice l’azienda è più forte e competiviva

Fotolia_46509343_XL

Conoscenza condivisa è un modello relazionale che mette l’individuo e le sue esigenze al centro dell’interesse collettivo. Un modello etico e culturale di gestione aziendale che pone la persona al centro dell’organizzazione, ascoltandola e valorizzandola. In questo modo la persona, sentendosi apprezzata e valorizzata, dona spontaneamente i propri talenti e le proprie conoscenze all’azienda contribuendo al suo successo. La felicità personale diventa quindi il benessere collettivo e il benessere che si crea spinge le persone al fare e a identificarsi nel comune agire delle aziende.

In pratica, le persone felici lavorano meglio e rendono di più contribuendo al miglioramento della produttività dell’impresa. Ed è proprio su questi concetti che un gruppo di lavoro UNI (Ente Italiano di Normazione) ha recentemente portato a termine il nuovo rapporto tecnico UNI/TR 11642 intitolato “La conoscenza condivisa – Definizione, caratteristiche e applicazione” che definisce le regole per la preparazione e la presentazione di un progetto di conoscenza condivisa nell’ambito di progetti di consulenza di management, finalizzati al cambiamento organizzativo.

Guido Zaccarelli, membro del gruppo di lavoro e relatore del nuovo documento UNI spiega che “Il nuovo rapporto tecnico UNI/TR 11642 riveste un’importanza strategica a livello nazionale in quanto finalmente anche in Italia si può ora parlare di conoscenza condivisa. Il rapporto tecnico identifica le linee guida che deve seguire un’azienda per adottare al proprio interno, nell’ambito del Change management, il modello della conoscenza condivisa. La presenza di questo documento sarà di stimolo alle imprese e, mediante un’ampia e capillare diffusione e sensibilizzazione pubblica, potrà essere di grande aiuto anche alla persone che operano all’interno delle organizzazioni aziendali.”

Stefano Bonetto, presidente della Commissione Servizi dell’UNI ritiene che “Con questo rapporto tecnico abbiamo tentato di utilizzare la normazione in modo innovativo. Ci arrivano molte richieste per fare norme, per alcune, come la conoscenza condivisa, capiamo subito che sono idee buone, ma capiamo anche che sono idee poco formalizzate e poco diffuse. Questo rapporto tecnico è quindi un tentativo di dare ordine, terminologia comune, riferimenti normativi generali e idee di utilizzo a questa forma di consulenza che è agli inizi. Speriamo che sia il punto di partenza per proseguire il lavoro, ora che abbiamo un’idea più chiara di cosa stiamo trattando.”

La videointervista a Guido Zaccarelli è disponibile sul canale UNI di YouTube (Playlist Servizi) all’indirizzo https://www.youtube.com/user/normeUNI

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2021 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151