Immobili per l’impresa: i più richiesti sono sulle vie di passaggio, fino a 100 mq e in locazione

negozi

Nei primi sei mesi del 2016 i prezzi e i canoni di locazione dei negozi a livello nazionale sono in diminuzione. I valori dei locali commerciali nelle vie di passaggio sono calati dell’1,5%, quelli delle tipologie in vie non di passaggio del 2,2%. I dati emergono dall’analisi dell’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa che rivela che, dall’inizio della crisi, i negozi posizionati in vie di passaggio hanno perso il 31,0% del loro valore, quelli in vie non di passaggio il 37,1%. Le compravendite dei negozi, nella prima parte del 2016, sono state 14.367 in aumento del 13,7% rispetto allo stesso periodo del 2015.

La diminuzione dei prezzi, avvenuta a partire dal 2008 invoglia l’investitore, sia società che privato, ad acquistare immobili commerciali da cui si attendono rendimenti annui lordi che possono arrivare fino ad un 10% a seconda della rischiosità dell’investimento.

Le città dove si è avuto il maggiore aumento delle transazioni sono Bari (+29,6%), Roma (+22,7%) e Milano (+18,4%). Roma e Milano si confermano ai primi posti per numero di scambi: nella Capitale le transazioni sono state 858 mentre il capoluogo lombardo ne fa segnare 714.

Chi acquista tipologie commerciali, in particolare negozi, punta soprattutto a tagli fino a 100 mq posizionati in via di passaggio. A muoversi sull’acquisto dei negozi sono soprattutto gli investitori. E c’è interesse anche sul mercato delle locazioni da parte di retailer che mirano a consolidare le posizioni top oppure a riposizionarsi in modo migliore se non siano già presenti.

I canoni sono diminuiti dell’1,1% in via di passaggio e dello 0,6% nelle vie non di passaggio. La domanda è sempre forte per il settore della ristorazione all’interno del quale si sperimentano nuovi format. Si rafforza sempre più il legame tra la capacità attrattiva delle città in termini turistici e la capacità attrattiva che esse hanno sui retailers che cercano di posizionarsi laddove i flussi turistici sono importanti. È per questo motivo che Milano, Roma, Firenze, Verona e Torino sono città interessanti.

Sulle vie non di passaggio i locali commerciali sono ormai adibiti ad uso ufficio oppure per ospitare attività che non necessitano di passaggio ma che sempre più frequentemente recuperano visibilità sui social: questo accade soprattutto per i giovani che si lanciano in nuove imprese e che utilizzando negozi in via non di passaggio possono spuntare canoni più bassi. Dal 2008 i canoni di locazione in via non di passaggio sono notevolmente diminuiti (-41,4%).

Dall’analisi della domanda emerge che l’86,2% di chi si è rivolto alle agenzie Tecnocasa e Tecnorete ha scelto l’affitto e la restante parte ha optato per l’acquisto. Le tipologie più ricercate sono di piccola dimensione: infatti il 78,2% delle richieste di affitto riguarda tagli fino a 100 mq. In acquisto invece la percentuale più elevata, 52,5%, si concentra sui tagli fino a 50 mq. Si cercano quasi sempre tipologie situate in vie di passaggio, mentre sulle vie non di passaggio si registra un elevato tasso di vacancy oppure si insediano attività di vendita al dettaglio o di servizi per le quali la visibilità è meno importante. Il 65,9% dell’offerta in vendita di locali commerciali ha una metratura fino a 100 mq.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2021 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151