Il marchio Posa Qualità Serramenti presentato da Eku alla distribuzione

posa qualità

Il dott. Marco Galliani, AD del Gruppo Profilati ha parto i due incontri

Il Gruppo Profilati ha presentato alla distribuzione, in due meeting a Medicina (Bologna) e Teramo, il marchio “Posa Qualità Serramenti” studiato da Unicmi con le aziende del comparto. “La complessità del mercato odierno ci chiede di governare l’intero processo di progettazione, distribuzione e installazione del prodotto serramento. I diversi attori della filiera dell’alluminio sono parte di una catena di prodotto che deve esprimere dei valori dall’ideazione alla posa in opera in cantiere”, ha esordito il dott. Marco Galliani, AD del Gruppo Profilati.

La finestra è senza dubbio un prodotto”, continua Marco Galliani. “Ma che cos’è un prodotto? È la risposta a un bisogno, a una necessità. Se riusciamo a identificare il bisogno dei nostri clienti, il prezzo non è determinante e si può trarre dal prodotto il massimo vantaggio competitivo. Il prodotto però deve essere in grado di rispondere al bisogno: da qui sorge l’esigenza di gestire la filiera del prodotto in tutte le sue componenti, e sorge la grande attenzione da riservare al problema della posa in opera“.

Il marchio Posa Qualità Serramenti di Unicmi“, sottolinea Mauro Durazzi, Direttore commerciale Eku, “offre la possibilità di qualificare il seramentista, che deve poter sfruttare questa qualificazione dal punto di vista commerciale. La comunicazione quindi assume un ruolo basilare. In una filiera frazionata come quella dell’alluminio, fare comunicazione è molto complesso. Nonostante le difficoltà Unicmi e 18 aziende, tra cui Profilati, hanno dato vita a InFissaPer, il portale web che, attraverso i social media ha, comunicato l’eccellenza dell’alluminio al consumatore finale“.

Mauro Durazzi continua: “Un passo successivo può essere quello di inserire una lista di serramentisti qualificati per mettere in contatto i consumatori con i costruttori. Ma ad oggi non ci sono parametri con cui poter valutare la qualificazione di un serramentista. Il marchio Posa Qualità Serramenti si pone l’obiettivo di imporre sul mercato standard di qualità imprescindibili, sposandosi quindi perfettamente con il progetto InFissaPer. La valorizzazione del serramentista è però un obiettivo che coinvolge anche il distributore, il cui ruolo non può più limitarsi alla vendita di barre e accessori, ma si orienta sempre più verso una consulenza di gestione delle attività di vendita e di promozione“.

Pietro Gimelli, Direttore generale Unicmi, ha approfondito il discorso sul progetto Posa Qualità Serramenti: “Oggi il tema sul mercato italiano è quello di trasferire valore al prodotto serramento svincolandosi dai temi che hanno caratterizzato la comunicazione di questi ultimi anni, ovvero l’efficienza energetica e il prezzo. Da una ricerca svolta dall’Istituto Piepoli per Unicmi emerge una domanda indirizzata all’acquisto di qualità. Il 90% del campione di progettisti e consumatori intervistati afferma di prestare attenzione alla garanzia delle prestazioni e dell’installazione del serramento e al servizio post-vendita, aspetti, questi, carenti, se non assenti, nell’offerta odierna dei costruttori di serramenti in alluminio“.

Pietro Gimelli, Direttore generale Unicmi

Con il marchio Posa Qualità Serramenti il serramentista può posizionarsi in modo distintivo sul mercato, offrendo le garanzie cercate e un prodotto assicurato 5 anni, che diventano 10 in presenza di un contratto biennale di manutenzione. Per ottenere questo marchio il serramentista dovrà intraprendere un percorso di qualificazione che prevede vari elementi: tra questi presentare domanda di concessione del diritto d’uso del marchio, avere nel proprio organico almeno un dipendente/collaboratore qualificato grazie alla partecipazione a uno dei corsi riconosciuti, superare con esito positivo le previste valutazioni sperimentali in opera su almeno un serramento esterno di propria installazione, essere titolare di contratti di fornitura e posa di serramenti”, ha proseguito Gimelli.

Non appena si raggiungerà un congruo numero di serramentisti qualificati, i loro nominativi inizieranno ad essere inseriti sul sito InFissaPer e si svilupperà un’intensa comunicazione verso il consumatore finale, spingendolo a richiedere il marchio “Posa Qualità Serramenti”, perché solo in presenza di tale marchio egli avrà garanzia di prestazione, assistenza e manutenzione post-vendita, e un’assicurazione di sostituzione dei serramenti che non garantiscono le prestazioni dichiarate“.

Stefano Mora, Direttore generale del Consorzio LegnoLegno ha parlato dell’aspetto tecnico-formativo del processo di qualificazione dei serramentisti ed ha sottolineato il peso e la rilevanza del serramento per le prestazioni dell’involucro edilizio.

I corsi di formazione si strutturano in due giornate da otto ore: nella prima vengono date tutte le informazioni relative agli aspetti progettuali ed esecutivi dei sistemi di installazione; nella seconda si sviluppano operativamente le nozioni apprese nella prima giornata mettendosi alla prova su casi frutto di esperienze reali. Tali attività sono pensate e strutturate per innalzare le competenze dei serramentisti, per aumentare la loro capacità di stare sul mercato, all’interno di un progetto di qualifica dell’installazione e di forte valorizzazione sul mercato di questa attività.

Gianluca Buscaroli, Responsabile dell’Ufficio tecnico Eku, ha concluso l’incontro parlando di radiosity, il nuovo metodo di calcolo della trasmittanza termica di finestre, porte e chiusure oscuranti introdotto dalla nuova norma Iso 10077-2:2017. Questo metodo fornisce valori di trasmittanza più accurati e aderenti alla realtà, in quanto calcola gli scambi termici all’interno delle cavità non ventilate dei profili, determinando la quantità di luce assorbita ed emessa dalle varie superfici.

La cosa rilevante è che, a parità di configurazione dei nodi dei serramenti, permette di assegnare ai profili in alluminio un (Delta) ΔUf compreso tra 0,1 e 0,3 W/m2K (secondo le valutazioni di Ift Rosenheim). Il metodo della radiosity apre nuove frontiere in termini di Ricerca&Sviluppo e di innovazione. Potrebbe aprire al settore strade nuove in termini di geometrie dei profili, di configurazione del cuore termico dei profili e impiego di nuovi materiali.

Dopo una carrellata sui prodotti della gamma Perfektion, Gianluca Buscaroli si è soffermato su Perfektion Slide, lo scorrevole a taglio termico dal designi minimal, illustrandone le basi progettuali come la possibilità di inserire un vetro triplo, la facilità di montaggio (tagli a 45°), la vetrazione con guarnizioni e sigillature strutturali parziali, la portata per anta di 500 kg e la chiusura multipunto.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2019 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151