Assemblea Anfit: da Caseitaly al Marchio Posa Qualità Serramenti

Lo sviluppo del progetto Caseitaly e del Marchio Posa Qualità Serramenti sono stati al centro degli interventi e del dibattito dell’Assemblea Ordinaria Anfit (Associazione Italiana per la Tutela della Finestra Made in Italy), che si è svolta presso la Delizia di Belriguardo (Ferrara), una delle due regge estive degli Estensi.

Durante l’assemblea Laura Michelini, presidente ANFIT e di Caseitaly, ha presentato il nuovo format per promuovere e valorizzare a livello internazionale i prodotti del Made in Italy per i settori delle chiusure tecniche industriali e residenziali (ACMI), finestre e serramenti (ANFIT), tende, schermature solari, sistemi oscuranti (ASSITES), lattonerie e coperture metalliche civili e industriali (PILE). La Federazione Finco cosi come le associazioni coinvolte erano presenti in platea a sostenere l’impegno di promuovere e far conoscere le aziende italiane anche all’estero.

Caseitaly è un progetto impegnativo che ha avuto la sua prima visibilità in occasione di Fensterbau Frontale a Norimberga in marzo di quest’anno. Il prossimo appuntamento dove saranno presenti almeno 27 aziende iscritte è dal 21 al 25 novembre 2018 presso il SIB di Casablanca – Marocco.

Il Vicepresidente Anfit Marco Rossi, affiancato dal Direttore del Consorzio LegnoLegno Stefano Mora, hanno parlato e dibattuto sul nuovo progetto Marchio Posa Qualità Serramenti, che vuole essere uno strumento innovativo per distinguere la qualità dei prodotti e la professionalità dei serramentisti italiani ed essere una garanzia per il consumatore.

Il marchio è sostenuto dall’intero fronte italiano dei serramenti, composto dalle associazioni: ANFIT (Associazione Nazionale per la Tutela della Finestra Made in Italy), CNA (Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa), Confartigianato Imprese, LEGNOLEGNO (Consorzio Nazionale Serramentisti), EDILEGNOARREDO (Associazione nazionale fabbricanti prodotti per l’edilizia e l’arredo urbano di FederlegnoArredo), PVC FORUM ITALIA (Centro di informazione sul PVC) e UNICMI “Unione Nazionale delle Industrie delle Costruzioni Metalliche, dell’Involucro e dei serramenti).

Enrico Pambianchi, responsabile di Reale Mutua Assicurazioni, ha spiegato i vantaggi concreti delle due polizze stipulate con Anfit e che tutelano i produttori, gli installatori e i consumatori. La polizza di Reale Mutua Assicurazioni offre al produttore di serramenti associato una doppia copertura: la Responsabilità Civile Prodotti (RCP) che tutela il produttore per i danni causati a persone o cose dai serramenti e la Rimpiazzo, ovvero spese di rifornitura, che garantisce ai produttori il rimborso delle spese sostenute per la sostituzione di serramenti.

Entrambi le polizze valgono anche per l’installatore associato e va a tutto vantaggio del consumatore finale.
Enrico Pambianchi ha portato concretamente un esempio di come può essere utilizzata la polizza assicurativa invitando a parlare l’associato Valentina Agosti della ditta Goitre di Bosconero Torino. Quest’ultima ha comunicato che in una gara d’appalto per la sostituzione di serramenti di una scuola Goitre ha presentato, e sono state accettate, le polizze come equivalenti alla garanzia richiesta.

In conclusione la presidente Laura Michelini ha commentato: “E’ stata un’assemblea vivace e davvero molto partecipata. Caseitaly è un progetto importante che porterà sicuramente dei risultati tangibili. Lo stesso vale per il Marchio Posa Qualità che vede per la prima volta tutte le associazioni di settore coinvolte ed è destinato a diventare un strumento importante nella difesa della qualità e professionalità dei produttori e una garanzia per i consumatori”.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2020 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151