Rapporto UNICMI 2019 sul mercato italiano dell’involucro edilizio

Nel 2019 la domanda di serramenti e facciate supererà i 4,8 miliardi di euro. E’ uno dei dati che emersi dal Rapporto UNICMI 2019 sul mercato italiano dell’involucro edilizio, da cui si evidenzia per serramenti metallici e facciate, in sintesi, che la domanda tiene e l’outlook è positivo, il contributo delle nuove costruzioni residenziali è inferiore a quanto previsto, gli incentivi fiscali pesano per il 38% sull’intero mercato dei serramenti e per il 53% sul segmento residenziale, l’alluminio è destinato a non incrementare le proprie quote di mercato nel residenziale e le importazioni di serramenti in PVC continuano a crescere più velocemente del mercato. L’alluminio perde terreno nella sostituzione, si consolida il PVC e riprende, leggermente, il legno, inoltre le nuove costruzioni non residenziali sono vitali per il comparto dell’alluminio e, in particolare, delle facciate.

Carmine Garzia, responsabile scientifico dell’Ufficio Studi Unicmi, ha evidenziato come il settore sia tornato a crescere sotto la spinta della ripresa degli investimenti nelle costruzioni (+3,1% nel 2018), le prospettive di sviluppo della domanda di serramenti e facciate sono positive e superiori alla crescita attesa del PIL per il 2019 e per il biennio 2020-2021 (con un tasso di crescita attorno al 2,5% annuo).

Nel 2019 la domanda di serramenti e facciate supererà i 4,8 miliardi di euro, e sarà trainata dalle ristrutturazioni nel segmento residenziale (che da solo vale oltre 3 miliardi di euro). Nel 2021 si tornerà sopra gli 8 milioni di unità finestre vendute”, ha spiegato Carmine Garzia. “Continuerà una moderata ripresa della domanda di serramenti nelle nuove costruzioni residenziali, anche se inferiore alle proiezioni dello scorso anno. Il segmento non residenziale crescerà alimentando la domanda di facciate continue anche nel periodo 2020-2021, quando il mercato italiano delle facciate arriverà a sfiorare i 600 milioni di euro di valore. I costruttori di facciate italiani sono comunque molto attivi sui mercati internazionali dove realizzano poco meno de 40% del proprio fatturato. Le quote dei tre materiali (alluminio, legno e PVC) nel mercato delle finestre resteranno sostanzialmente stabili nel 2019 mentre per il periodo 2020-2021 prevediamo un lieve calo dell’alluminio e una piccola ripresa del legno.”

E’ stato evidenziato come gli incentivi fiscali si confermano come una componente strutturale della domanda che vale attorno ad 1,7 miliardi di euro su una domanda totale nel residenziale di poco più di 3 miliardi di euro. Secondo i modelli elaborati da Unicmi, gli incentivi, se confermati nel 2020 (senza contenuti penalizzanti come l’introduzione del prezzo massimo al metro quadrato e lo sconto in fattura) continueranno a trainare la domanda di serramenti.

Le performance economiche e finanziarie dei produttori di finestre (alluminio, legno, PVC) hanno un trend positivo di ripresa, anche se la redditività è ben lontana dai livelli ante-crisi. Permangono invece delle difficoltà per i costruttori di facciate determinate da situazioni di crisi che interessano alcune grandi aziende”, ha concluso Carmine Garzia.

In merito alle performance dei costruttori di serramenti e di facciate continue, dal rapporto emerge che la redditività è migliorata, il miglioramento delle performance dei costruttori di serramenti in alluminio è notevole, la situazione finanziaria è relativamente stabile, i costruttori di facciate hanno una situazione critica per quanto attiene la redditività commerciale in quanto hanno inseguito prevalentemente la crescita dimensionale.

Il rapporto completo è scaricabile dal sito http://www.windowmarket.it/

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2019 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151