Spunti di design

Natura e sostenibilità le parole chiave per il 2019, fonte di ispirazione di stili, colori e materiali più trendy

I contenuti innovativi di HF410, la nuova finestra personalizzabile in legno-alluminio di Internorm, passano attraverso la tecnologia I-tec Core, che propone un solido nucleo in legno multistrato a lamelle incollate, per conferire al serramento diversi vantaggi, che comprendono: una grande stabilità, la possibilità di realizzare ampie dimensioni, ottenere un profilo di spessore ridotto e garantire un elevato isolamento termico. Il guscio esterno in alluminio, disponibile in tutti i colori e stili Internorm, assicura l’elevata protezione dagli agenti atmosferici e l’assenza di manutenzione. L’ampio ventaglio di essenze e colori delle superfici in legno, spazia dal noce ai toni più chiari di rovere, frassino, larice e abete, uniti alle tinte classiche e alle colorazioni vintage, decapato bianco o grigio

Nell’interior design il 2019 conferma il linguaggio minimal, coniugato alle linee morbide e accoglienti, declinate nelle nuove sfumature cromatiche dei toni naturali. Le forme degli arredi diventano più fluide e i colori spaziano dalle nuance della terra ai verdi salvia e petrolio, dal bordeaux all’albicocca, dal turchese ai rossi pompeiano e lampone, con tocchi di corallo.

Tra i materiali che caratterizzeranno gli interni, i principali protagonisti dell’anno in corso saranno “eco-friendly” ad alta riciclabilità, come il legno naturale, con il fascino senza tempo delle versioni grezzo o poco lavorato; la pietra e il marmo, insieme resistenti ed eleganti, utilizzati non solo per pavimenti e rivestimenti; il cotto, dal sapore della tradizione; il vetro nelle sue numerose varianti, sinonimo di luce ed essenzialità.

È green anche la ricerca del comfort, che porta a sviluppare livelli sempre più performanti di efficienza energetica e a garantire ambienti luminosi e accoglienti. Per le finestre, questi traguardi si traducono in telai in grado di sopportare alte sollecitazioni, con il raggiungimento di dimensioni più ampie e l’applicazione di vetri ad alte prestazioni. Si orientano verso le superfici over-size anche i portoncini d’ingresso, con l’inclusione di pannelli trasparenti, che rivolgono lo sguardo agli scenari naturali da “portare” dentro casa, mentre nelle versioni blindate vengono raggiunti ottimi livelli di isolamento termoacustico e garantita la massima sicurezza pur con spessori ridotti di telaio e anta.

Le porte interne prediligono le finiture nei colori grigio e noce, in legno o in laminato, arricchite da texture derivate dai motivi decorativi rubati alla natura. Nei pannelli sono di grande tendenza anche gli inserti materici che riproducono le superfici di gres, pietra e cemento. Ormai molto diffuse nella maggior parte degli ambienti abitativi, le soluzioni filomuro saranno sempre più caratterizzate dall’assenza di coprifili e ferramenta, ma anche dalla presenza di serrature magnetiche. Questi elementi puntano a trasformare la porta da semplice chiusura a elemento integrato con la parete, che rivestendosi in legno o tappezzeria cambia pelle diventando boiserie, armadio a muro o trompe l’oeil.

Anche la modularità degli elementi e la loro relativa codifica diventeranno una consuetudine nell’ambito dei serramenti, rendendo più semplice l’eventuale sostituzione e consentendo la programmazione di una manutenzione più puntuale.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo

Porte & Finestre © 2022 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151