La serra in cucina

Noma 2.0, BIG-Bjarke Ingels Group, Studio David Thulstrup

Noma 2.0 va oltre il significato culinario di ristorante, offrendo un’avventura gastronomica a tutto tondo, con la luce naturale e i cambiamenti meteorologici considerati parte integrante dell’esperienza.

Sorto sui resti di un ex-magazzino militare di mine della Royal Danish Navy, area protetta a livello nazionale all’interno della comunità di Christiania (Copenhagen), l’edificio è concepito come un piccolo villaggio-giardino. Ogni costruzione lega la sua particolarità costruttiva alle funzioni che contiene. Progetto architettonico di BIG-Bjarke Ingels Group e Studio David Thulstrup, entrambi di Copenhagen.

Gli chef, protagonisti assoluti di Noma 2.0, occupano la posizione centrale, in modo da essere direttamente connessi con tutti gli spazi, averne la completa panoramica ed essere visibili dagli ospiti. L’attività di preparazione dei cibi beneficia della piena luminosità di una delle serre, realizzate con strutture metalliche a vetri trasparenti, che mettono in contatto diretto con il giardino esterno e lasciano a vista l’intera area della cucina nella quale operano chef stellati Michelin. Si è inondati dalla luce naturale anche nella serra adibita a garden, circondati da piante verdi in vaso e grandi tende a teli bianchi, che riparano dal sole diretto e ammorbidiscono l’atmosfera interna.

Le due sale da pranzo occupano l’edificio rivestito con listelli di legno, riproposti nelle finiture interne, dotato di un ampio lucernario continuo sul colmo e da finestre scorrevoli in legno di quercia affacciate sul giardino e sullo scenario offerto dall’alternarsi delle stagioni.

Grandi vetrate trasparenti si susseguono anche nell’ospitale sala del soggiorno, contenuta nell’edificio in mattoni, e nella sala barbecue, caratterizzata dal tetto a capanna e dalla fitta travatura in legno che ne segue l’inclinazione. I pannelli vetrati impiegati sono del tipo isolante 6-12-6, con trasmittanza U pari a 1,1 W/m2K, temperato di sicurezza antisfondamento.

Gli edifici e gli spazi a loro adiacenti sono collegati da percorsi coperti, realizzati con una robusta struttura metallica a sostegno di grandi lastre in vetro trasparente, che rischiarano e rendono fluidi i passaggi da un ambiente all’altro.

Foto Rasmus Hjortshoj

Noma 2.0  
Dove: Copenhagen (Danimarca)
Progetto architettonico: BIG-Bjarke Ingels Group (Copenhagen), Studio David Thulstrup (Copenhagen)
Progetto strutturale: BIG Engineering
Direzione lavori: BIG Bjarke Ingels Group
Superficie totale costruita: 1.290 metri quadrati
Finestre e porta di ingresso: Madsen Vinduer & Døre (Vodskov, Danimarca)

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Porte & Finestre © 2019 Tutti i diritti riservati

© 2013 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151